In quarantena come molti, di rientro dall’Australia. Come chi, in Australia, della McLaren, è rimasto, affiancato dal team, da Andrea Stella, Andreas Seidl. Carlos Sainz è rientrato a casa, in Spagna, secondo Paese europeo più colpito per numero di contagi di coronavirus registrati, dopo l’Italia.

Sterzi a parte: Questa F1 deve farsi l'esame di coscienza

E “Chili” sta osservando il suo periodo di isolamento, una quarantena che gli esperti hanno indicato in 14 giorni, periodo di incubazione del virus e nel quale si rischierebbe il contagio di altri soggetti, da asintomatico.

Vicino al team

“Sono tornato a casa in Spagna e mi sto ‘godendo’ la quarantena; poiché uno dei membri del team è risultato positivo ai test per il coronavirus lo scorso giovedì in Australia ci siamo messi in stretta quarantena: individuale, rigorosa.

Sono stati giorni intensi per provare a organizzare la vita, sono ovviamente un po’ annoiato come tutti coloro i quali sono costretti alla quarantena. Al tempo stesso sto provando a fare dello sport e tenermi impegnato in cose che altrimenti non farei per i tanti viaggi”, ha raccontato Sainz sui social.

“Voglio mandare un messaggio a tutti i meccanici McLaren rimasti in Australia, mando loro un grande abbraccio, tanta positività. Sono certo tutti lasceremo questa quarantena il prima possibile, e appena l’avremo fatto torneremo al lavoro, appena sarà finito questo virus torneremo a correre.

Non vedo l’ora, mi mancano le gare, viaggiare per il mondo con il mio team, è qualcosa che passerà alla fine, meglio stare a casa, in quarantena perché avvenga il prima possibile”.