La Formula 1 inizia a rimodellare il calendario in seguito alla pandemia di coronavirus che sta drammaticamente imperversando in tutto il Mondo.

In attesa delle nuove date ufficiali dei GP, è stato annunciato l’anticipo della pausa estiva. Il periodo di cessazione di tutte le attività sportive nelle fabbriche dei team, si sposta dalle classiche due settimane di agosto ai 21 giorni tra marzo e aprile. La decisione è stata presa all’unanimità da F1 Strategy Group e F1 Commission.

"Alla luce dell'impatto globale del coronavirus sull'organizzazione degli eventi della Formula 1 il FIA World Motor Sport Council ha approvato una modifica al Regolamento Sportivo 2020, spostando il periodo di chiusura estiva da luglio e agosto a marzo e aprile e prolungandolo da 14 a 21 giorni” recita la nota.

Con il periodo di vacanze anticipato, a questo punto, via libera ad agosto per inserire quei GP che hanno ancora il punto interrogativo sulla fattibilità. Le ufficializzazioni del caso, arriveranno solo dopo che l'attuale situazione legata alla pandemia da COVID-19 tornerà alla normalità 

L'editoriale del direttore: una F1 che fa fatica a capire il Mondo