Mentre team principal, FIA e F1 Group si riuniscono, oggi, in teleconferenza per discutere e provare a trovare la quadra intorno alla soglia del budget cap da introdurre nel 2021, sul fronte “organizzativo”, quello che potrà essere il calendario 2020, la Formula 1 aggiorna quanti hanno già acquistato un tagliando per assistere a un Gran Premio.

Lo fa per ragguagliare i tifosi sulle attività in corso con i promoter, segnalando come – stante l’assoluta incertezza del momento –, quando si potrà partire con il mondiale, sarà su un calendario non solo con date molto diverse da quelle programmate ma anche nella sequenza degli appuntamenti. 

GP Monza, Damiani: 'Speriamo in Sant'Ambrogio...'

Inutile ragionare di Spa il 30 agosto, di Silverstone il 19 luglio: si avrà un quadro totalmente ridisegnato.

Resta confermata l’intenzione di avviare il campionato “a un certo punto nel corso di quest’estate”, si legge sul sito ufficiale della F1; “in questo momento nessuno può essere certo sul quando, esattamente, la situazione migliorerà, però quando accadrà saremo pronti per tornare a gareggiare. Siamo tutti impegnati nell’offrire ai nostri tifosi una stagione 2020 del campionato.

La data di chiusura della stagione sarà estesa oltre l’originaria in programma del 27-29 novembre”.

Esports, Leclerc cerca il bis nel Virtual Gp della Cina