Dopo aver annunciato nei mesi scorsi l’ingresso dei sauditi di Aramco nel pacchetto di marchi sponsor ufficiali - title sponsor del GP d'Ungheria e di quello in Spagna -, la Formula 1 sviluppa l’accordo commerciale lanciato nel 2019 con Liqui Moly e, da una formula mirata a sponsorizzazioni in determinate aree, regionale - quindi in una selezione di GP -, sarà un marchio presente in 11 Gran Premi in calendario attraverso la cartellonistica in circuito.

Il debutto della collaborazione è previsto dal secondo Gran Premio a Zeltweg, denominazione che al GP d’Austria farà seguire il Gran Premio della Stiria. Accordo triennale con la compagnia tedesca – controllata dal gruppo Wurth – specializzata in lubrificanti e prodotti dedicati alla cura dell’auto.

Hamilton: 'Non è solo sport, è una lotta che continuo'

“Siamo felici di proseguire la collaborazione con Liqui Moly e di dare il benvenuto quale sponsor ufficiale della Formula 1. Il fatto che la partnership sia cresciuta dopo un primo anno di successo dimostra il valore, in termini di riconoscibilità del brand e preferenza. Ci aspettiamo di proseguire nell’esplorazione di modi per integrare ulteriormente Liqui Moly nell’ecosistema della Formula 1”, sono state le parole di Ben Pincus, direttore delle sponsorizzazioni in Formula 1.

Vetrina globale, concetto ripreso dall’a.d. di Liqui Moly, Ernst Prost: “L’unicità della copertura della Formula 1 ci consente di incrementare la percezione del brand Liqui Moly in tutto il mondo. La F1 rappresenta il premium nel motorsport e Liqui Moly nel settore oli e additivi. La sponsorizzazione in Formula 1 è un segnale forte tanto verso il cliente finale quanto verso il mercato”.

Fia, nuove direttive su olio ed ERS: nuova sfida per i motoristi

Il marchio è presente anche in altri campionati, dal turismo internazionale all’IMSA, serie nella quale ha esordito nel 2018. In Formula 1, prima dello scorso anno, è transitato quale sponsor a inizio anni Duemila e prima ancora nei Novanta.