Il primo podio alla portata, la grande opportunità di vincere la gara. Invece la domenica di Alexander Albon si è interrotta contro la ruota anteriore sinistra di Hamilton, in seguito al contatto tra i due britannici, prima che un problema tecnico mettesse definitivamente ko la Red Bull numero 23.

Albon, podio nuovamente negato

Questo il commento a caldo di Albon, deluso dalla manovra di Hamilton: "Sto parlando ancora a ‘caldo’ per come è andata la corsa e quindi devo prestare attenzione a ciò che dico. Oggi avevamo realmente la possibilità di vincere la gara. Avevamo fatto una grande strategia, i ragazzi avevano fatto un gran lavoro con i pit-stop, ed abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna con la safety car, ma io mi sentivo bene con la vettura. Le gomme dure oggi non andavano granché, sapevo che alla ripartenza le Mercedes avrebbero sofferto con i pneumatici, per cui mi aspettavo di poterle passare nei primi giri dopo la safety car. Passato Hamilton già pensavo a come attaccare Bottas al giro successivo. Il contatto con Lewis è stato in uscita di curva e mi ha sorpreso, sapevo di avergli dato il giusto spazio,  io ero sul filo del rasoio, la decisione di fare l’incidente è stata sua. Stavolta ero io ad attaccare e lui a difendersi, in Brasile poteva anche essere un 50 e 50 di responsabilità, ma non oggi. Ovviamente adesso dobbiamo concentrarci sul prossima fine settimana, avremo bisogno di un po' di fortuna per avere le stesse opportunità di oggi, vedremo".