Per la prima volta dal 2014, Lewis Hamilton non è salito sul podio nel Gp inaugurale della stagione. Un buon motivo per affrontare con ancora più carattere il Gp di Stiria, seconda prova stagionale. 

Prime novità sulla SF1000

L'esperienza in aiuto di Fernando

Ma Lewis Hamilton è sereno, e più che del presente parla del ritorno di Fernando Alonso, il suo primo compagno di squadra nel 2007 alla McLaren: "Ci sono pro e contro nel tornare alla sua età. L’esperienza è molto preziosa, ed è molto utile guidare una squadra come la Renault, da questo punto di vista l'esperienza sarà sicuramente un vantaggio. Non posso dire com’è correre all’età di 40 anni, semplicemente perché ancora non li ho. Ricordo il ritorno di Michael Schumacher, più o meno l'età era quella e lui era in perfetta forma fisica. Per Fernando penso sarà lo stesso. Il vantaggio per me è che ora sono il secondo pilota più vecchio dietro a Kimi, l’anno prossimo sarò solo il terzo più vecchio!".

Ocon: "L'esperienza di Alonso importante per la Renault"

L'augurio a Vettel

Un pensiero poi su Vettel, pilota da Hamilton definito come l'avversario più difficile mai affrontato. Il futuro del tedesco non è ancora stato scritto e non è detto che Sebastian resti in F1. Questo il pensiero di Lewis al riguardo: "Sarebbe un peccato se dovesse fermarsi, spero riesca a trovare una squadra”.

Vettel: "Red Bull? Perché no"