La paura di non riuscire neanche a partire dopo un grossolano errore uscendo dai box prima del via, una partenza perfetta ed una gara senza sbavature. Una domenica emozionante quella vissuta da Max Verstappen, autore di un ottimo 2° posto a Budapest.

Leclerc: "La macchina non era bilanciata e non capisco perché"

Dalla paura al podio

Nelle interviste post-gara Max ha raccontato così la sua giornata: "L'incidente prima della gara non è stato proprio quello che avrei voluto. Ho perso aderenza e sono finito contro le barriere, ma i meccanici hanno fatto un lavoro fantastico riparando la macchina. E’ stato incredibile, non so come abbiano fatto, sono felice di averli ripagati con la seconda posizione. Il primo giro è stato fondamentale, in più abbiamo fatto le chiamate giuste, avevamo anche un buon passo e quindi abbiamo continuato a fare il nostro ritmo riuscendo a metterci tra le due Mercedes. E' un buon risultato, la vettura era buona, i meccanici hanno lavorato alla perfezione, nel duello con Valtteri ho fatto il mio passo, lui guadagnava un secondo al giro, ma seguire qui è complicato. Quando mi è arrivato a circa un secondo è stato più difficile per lui. Poi all’ultimo giro ho trovato traffico davanti e me che non mi ha reso le cose facili avendo le gomme vecchie, ma ho tenuto duro e chiuso secondo. Può valere come una vittoria, non pensavo neanche di riuscire a partire".

Vettel onesto: "Sapevo che le Mercedes ci avrebbero doppiato"