Quando il gioco vale la candela. E' stato il caso del Gp d'Ungheria per la Haas, che pur ricevendo una penalità per la chiamata alla fine del giro di formazione è riuscita con quella mossa ad ottenere il primo punto in campionato grazie al 10° posto di Kevin Magnussen. Una chiamata che Guenther Steiner, come ha affermato a RaceFans, rifarebbe nonostante la penalizzazione.

Dichiarazione d'amore infinita per Imola

L'episodio dell'Hungaroring

Le cose a Budapest sono andate così: Magnussen e Grosjean sono stati richiamati ai box al termine del giro di ricognizione per passare alle slick. Cosa non ammessa, come afferma l'articolo 27.1 del regolamento sportivo, che vieta aiuti ai piloti durante il giro di formazione. I 10" di penalità sono arrivati perché è stato il box a suggerire e poi chiamare per la sosta i suoi piloti, e non viceversa: se invece fossero stati i piloti a chiedere le gomme da asciutto in maniera diretta, la penalità non ci sarebbe stata.

I temi di inizio campionato

No ad una F1 per ragionieri

Tuttavia, Steiner difende la scelta della squadra, perché così facendo è comunque arrivato un piazzamento a punti che senza la mossa prima del via probabilmente non sarebbe arrivato: "Faremmo certamente la stessa cosa. I 10 secondi di penalità sono stati un po' ambigui, e sfortunatamente non possiamo fare appello perché si tratta di una penalità di tempo, e non si possono fare appelli contro questo tipo di sanzioni. Non è mai accaduto prima, e sembra che se non è mai stato fatto prima e non c'è una regola chiara tu prendi una penalizzazione. Dobbiamo fare un passo avanti,  sicuramente ha ravvivato la corsa per ognuno. Non penso che dovremmo smettere di fare queste cose nelle corse, altrimenti in F1 potrebbero gareggiare i ragionieri".

Gli orari del Gp di Gran Bretagna

La Haas rimarrà

Steiner poi ha proseguito parlando della situazione Haas, che non prevede di portare aggiornamenti sulla VF-20 per tutto il 2020: "Siamo stati molto inconsistenti ma credo che sappiamo piuttosto bene a che punto siamo. Non siamo la macchina più veloce del centro gruppo e dobbiamo solo farcene una ragione. Proviamo sempre a tirare fuori il meglio dal pacchetto, non abbiamo programmato alcuno sviluppo per quest'anno, quindi dobbiamo concentrarci sull'ottenere il meglio da ciò che abbiamo per questa stagione e guardare all'anno prossimo per provare a fare qualcosa di meglio nel prossimo campionato. Non sarà un anno facile ma siamo qui per restare".

Binotto: "Mi aspetto il record al Mugello"