Comincia nel segno di Valtteri Bottas il fine settimana del Gran Premio di Russia. Miglior prestazione al termine delle Fp1 per il finlandese, che ha chiuso davanti a Ricciardo e Verstappen. Vettel ha chiuso 9°, Leclerc 11°.

Hamilton: "Faccio ciò che sento giusto"

Sainz e Latifi a muro

Bottas si è messo in cima alla lista dei tempi con un crono di 1'34"923, facendo meglio di Ricciardo per mezzo secondo. Un ottimo tempo quello della Mercedes numero 77, arrivato in un momento in cui la pista era ancora relativamente sporca. Manca il confronto con l'altra Mercedes, quella di Hamilton, che non ha cercato il tempo ed ha portato a casa appena il 19° posto, a 2"793 dal compagno di squadra, fatto registrare con gomma dura. Probabilmente ha influito prima una virtual safety car e poi la bandiera rossa, arrivata a circa 35 minuti dalla fine della sessione: nel primo caso è stato Carlos Sainz a perdere il controllo ed a sbattere con il retrotreno in curva 10, mentre nel secondo è stato Latifi, nella stessa curva, a finire contro le barriere. Lo spagnolo è riuscito a ripartire, mentre il pilota della Williams è stato costretto a concludere lì la sua attività in pista. Per la cronaca, terzo tempo di Verstappen a sei decimi e mezzo, quindi le Racing Point di Perez e Stroll.

Vettel: "Bello se Domenicali tornasse"

Ferrari al limite della top ten

Le Ferrari come detto hanno chiuso con il 9° ed 11° tempo. Vettel ha rimediato un distacco di 1"400, mentre il ritardo di Leclerc da Bottas è stato di 1"973. Il miglior crono del tedesco è arrivato con gomma media, mentre quello del monegasco è arrivato con gomma morbida (che, nel caso di Sochi, è la C5, la più tenere della gamma Pirelli: è la prima volta che quest'anno vediamo in azione la C5, e la rivedremo solo ad Abu Dhabi). Lavoro da fare in casa Ferrari, con una SF1000 che ha presentato una nuova ala posteriore. Lavoro che proseguirà nel pomeriggio, con le Fp2 previste per le ore 14.

Leclerc: "Riposo? Dobbiamo lavorare più che mai"