Di pole position Lewis Hamilton ne ha fatte tante, ma questa è una delle più particolari. Un brivido in Q2, con la paura di finire fuori, e poi un giro super in Q3, per la partenza al palo numero 96 della carriera. Una grande prestazione, ma merito anche a Verstappen, che è riuscito a soffiare la prima fila a Bottas, terzo. Sabato difficile per la Ferrari, con le due vetture di Maranello fuori dai primi dieci. Lewis era inoltre finito sotto investigazione per aver tagliato una curva e non aver successivamente rispettato il percorso obbligatorio nella via di fuga in curva 2, fino a quando i commissari hanno deciso di non penalizzarlo.

Ufficiale: Domenicali nuovo a.d. della F1

L'inglese nell'ultimo segmento di qualifica Lewis Hamilton ha fermato il cronometro sullo strepitoso tempo di 1'31"304, con Max Verstappen che si è piazzato secondo ad oltre mezzo secondo, 563 millesimi per l'esattezza. Lo sconfitto di giornata però è stato Valtteri Bottas, che si è preso addirittura 0"652. Una brutta batosta per il finlandese, che però domani sarà l'unico a scattare con la media insieme all'olandese e con la possibilità di prendere la scia verso curva 2. A completare la seconda fila sarà Sergio Perez, quarto a 1"013, poi Ricciardo e Sainz, seguiti da Ocon e Norris. In quinta fila Gasly ed Albon, rispettivamente con il 9° e 10° tempo.

Formula 2, GP Russia: Mick Schumacher vince e allunga in classifica

Q2: che finale!

Un Q2 con un colpo di scena e qualche brivido per Lewis Hamilton. Prima all'inglese è stato cancellato il tempo per aver messo le ruote sul sintetico rosso in uscita dall'ultima curva, quindi quando era in prossimità del traguardo nel secondo tentativo è stata esposta la bandiera rossa per il botto di Vettel, finito in testacoda e poi a muro in uscita dalla curva 5. La bandiera rossa a 2'15" precisi dalla fine ha imposto a tutti un ultimo tentativo caotico, perché c'era pochissimo tempo per preparare l'out lap. L'inglese si è salvato per un pelo, riuscendo ad evitare la bandiera a scacchi per un secondo (sono stati calcolati per la precisione appena 8 decimi!) guadagnando così la possibilità di effettuare l'ultimo giro veloce. Il tempo di Hamilton è costato caro a Leclerc, beffato proprio dall'inglese e finito 11°, e quindi escluso, dalla Q3, a 43 millesimi dall'ultimo dei qualificati. Fuori anche Kvyat, Stroll (problemi e nessun ultimo tentativo per lui), Russell e Vettel. Verstappen e Bottas saranno gli unici ad avviarsi con gomma media domani.

Q1: Ferrari avanti con qualche preoccupazione

Nella prima parte delle qualificazioni i due ferraristi hanno chiuso in 14° e 15° posizione, ovvero nelle ultime due posizioni disponibili per l'accesso in Q2. Leclerc si era preso un rischio restando ai box, Vettel invece ha dovuto compiere due giri lanciati perché il primo era stato poco positivo. Le due SF1000 hanno chiuso comunque con circa mezzo secondo di margine sul primo degli esclusi, Grosjean, finito fuori insieme a Giovinazzi, Magnussen, Latifi e Raikkonen, purtroppo ultimo nel Gp in cui pareggia le presenze di Rubens Barrichello. Per Kimi un testacoda nell'ultimo tentativo che gli ha impedito di migliorare.

Nella mattinata di domenica gli steward hanno deciso di penalizzare la Red Bull di Albon e la Williams di Latifi per la sostituzione del cambio della rispettive monoposto. Il tailandese cede 5 posizioni, per la gioia di Leclerc che partirà dunque decimo, mentre il canadese sarà l'ultimo pilota sulla griglia di partenza del Gp di Russia 2020.

Binotto: "Veto Ferrari su Toto Wolff"

La griglia di partenza


Fila 1: 1. Lewis Hamilton (Mercedes)   1'31"304  2. Max Verstappen (Red Bull) +0"563
Fila 2:  3.Valtteri Bottas (Mercedes) +0"652   4.Sergio Perez (Racing Point)  +1"013
Fila 3:  5.Daniel Ricciardo (Renault)+1"060    6. Carlos Sainz (McLaren)+1"246
Fila 4:  7.Esteban Ocon (Renault)+1"320  8. Lando Norris (McLaren)+1"543
Fila 5:  9.Pierre Gasly (AlphaTauri)+1"696  10. Charles Leclerc (Ferrari)
Fila 6: 11. Daniil Kvyat (AlphaTauri)   12. Lance Stroll (Racing Point)
Fila 7:  13.George Russell (Williams) 14. Sebastian Vettel (Ferrari)
Fila 8: 15. Alexander Albon (Red Bull)16. Romain Grosjean (Haas)
Fila 9: 17. Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Sauber)  18. Kevin Magnussen (Haas)
Fila 10. 19.Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Sauber) 20. Nicholas Latifi (Williams)