GP Eifel, Bottas: "Il danno era grande, mi hanno chiesto di fermarmi"

GP Eifel, Bottas: "Il danno era grande, mi hanno chiesto di fermarmi"© Getty Images

Il finlandese nel dopo gara ha spiegato il suo errore, nel momento in cui ha inziato a piovere, dicendo che per lui la corsa era ancora aperta prima che il motore lo mettesse k.o.

Presente in

Matteo Novembrini

11 ottobre 2020

La sua risposta grintosa ad Hamilton al via aveva strappato un applauso a tutti, ma dopo qualche giro Valtteri Bottas ha commesso un errore che ha pregiudicato la sua corsa. Con una gomma spiattellata si è ritrovato costretto ad una sosta anticipata, e la mazzata sulle sue speranze è poi arrivata con una virtual safety car che ha permesso ad Hamilton e Verstappen di restare davanti con margine. A quel punto a Valtteri non restava che spingere, ma non ne ha avuta l'occasione: al giro numero 19, infatti, un problema sulla sua W11 lo ha costretto al ritiro.


Valtteri non si sentiva battuto

Con tanto amaro in bocca, Bottas ha descritto quello che ha provato: "Sono ovviamente molto deluso.  Non avrei mollato questa vittoria tanto facilmente, l'ho dimostrato al via. Quando ho avuto il bloccaggio c'era un po' di pioggia lieve in alcune curve, soprattutto la prima. Sapevo che ci sarebbe stato da divertirsi, tutto era ancora in gioco, ma poi ho cominciato a perdere potenza al motore. Il danno era grande, così la squadra mi ha chiesto di fermarmi. Per il titolo mai dire mai, ma è chiaro che adesso è complicato". Con 69 punti di ritardo in classifica, non potrebbe essere altrimenti.

Vettel: "Troppi rischi con l'Alfa, non c'era passo"

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi