Secondo posto, 39° podio in carriera e 8° in questo Mondiale 2020. Stare ai ritmi di Hamilton è una faticaccia e un peso che Max Verstappen però riesce a reggere molto bene. L'olandese della Red Bull anche al Gp dell'Eifel non ha commesso errori, anzi ha aprofittato dei problemi della Mercedes di Bottas, portandosi sul secondo gradino del podio a + 2"5 da Re Lewis.

Hamilton come Schumi, non ci crede: "Ogni domenica vedevo Michael"

Safety Car in pista per troppo tempo

“Il passo era buono oggi, abbiamo cercato di fare la nostra corsa. E alla fine è stata una buona gara. Ho approfittato del ritiro di Bottas dalla gara, ma Lewis era troppo veloce, però ho cercato di fare il giro veloce all'ultimo. Volevo vedere cosa accadeva e ci sono riuscito. Vale anche un punto in più e sono contento.

I miei team radio lamentosi contro la safety car? Beh sì, la pista era molto fredda e le gomme diventano molto fredde  all'uscita dai box si raffreddavano tanto. Non capivo perché la Safety rimaneva fuori così tanto. La pista era pulita. Capisco che ci volessero far ammucchiare tutti, ma è pericoloso con queste gomme così fredde. Per fortuna non è cambiato nulla, siamo rimasti secondi ed è questo il posto che ci meritiamo oggi”.

GP Eifel, Leclerc: "Qualifica solo un'illusione, oggi disastro soprattutto con le soft"