Sebastian Vettel non saliva sul podio da più di un anno, precisamente dal Gran Premio del Messico del 2019. Un 3° posto dolce, arrivato con un sorpasso proprio all'ultima chicane su Charles Leclerc.

GP Turchia: che gara ad Istanbul!


Un pensiero alle slick

Nonostante la sua ottima gara, con il senno di poi viene da chiedersi se il secondo pit-stop sia stato giusto o meno: "È stata una gara lunga e molto intensa, ma anche divertente. Il mio primo giro è stato ottimo, mi sono ritrovato subito in quarta posizione, mi trovavo bene con le full wet, meno con le intermedie, ma almeno alla fine ho ritrovato un po' di passo.

Bello l'ultimo giro, è stato sorprendente strappare il podio proprio nel finale, sono molto contento, gara piacevole in condizioni molto insidiose. Leclerc era vicino a Perez, nei giri precedenti stavo recuperando terreno su di loro che erano in lotta, ed appena ho visto il bloccaggio di Charles ho visto che c'era un'opportunità per me. Sono arrivato molto vicino a Perez, lui non aveva più gomma. A un certo punto ho pensato alle slick, anche a 20 giri dalla fine, perché le nostre erano già usurate, ma si parlava di pioggia negli ultimi giri. Ci sarebbe stata la possibilità di vincere, ma alla fine sono contento di questo podio".

Leclerc furioso se la prende anche con Binotto: "Tranquillo un c***o, sono un c*****e"


Un saluto a Matteo

Poi Vettel ai microfoni di Sky ha aggiunto: "Questa era l'ultima gara per uno di noi, Matteo Fanali (Hybrid System Engineer, ndr), penso che lui è contento così come tutta la squadra. Ho visto Charles e Sergio molto vicini in curva 12, Charles ha bloccato l'anteriore ed lì ho visto una possibilità, poi come ho detto sono arrivato molto vicino a Sergio. Credo che possiamo sempre fare bene in gara, nelle ultime è stato difficile perché quando sei dietro non è facile sorpassare, ma oggi la pista era bagnata e per noi è stato più facile fare qualcosa di diverso".