Prossima fermata, Sakhir, terzultimo appuntamento stagionale e possibile sede dei test invernali 2021. Sarà una sessione limitata a 3 giornate appena, quella che precederà il via del prossimo mondiale. In Bahrain, mentre la Formula 1 celebrava Hamilton campione del mondo, lunedì ha girato Fernando Alonso al volante della Renault RS18. Centosedici giri a Sakhir per lui, in una due giorni di test tra Bahrain e Abu Dhabi che ha visto impegnati anche i piloti del programma giovani Renault: Zhou, Piastri e Lundgaard.

Martedì, 74 giri completati ad Abu Dhabi, così si conclude il percorso di test stilato per il rientro del campione di Oviedo, sebbene su una monoposto vecchia di due stagioni e con ben altra competitività rispetto alla RS20, base tecnica sulla quale Renault (Alpine) porterà in pista la monoposto 2021.

Voglia di 2021

“Ho appena finito il mio secondo test, qui ad Abu Dhabi, ne abbiamo fatti due in Bahrain e due qui, è stato fantastico tornare in macchina e sentire di nuovo la velocità della macchina con la 2018, imparare le procedure del team e mi sono goduto ogni singolo giro.

L'editoriale del direttore: Lewis VII, re felice e motivato 

Non vedo l’ora che arrivi il prossimo anno, di tornare a correre e nel frattempo sarò di supporto al team nelle ultime gare, ci vediamo molto presto”, il saluto di Fernando su Twitter. Potrebbe non essere l'ultimo test prima del 2021, con Abiteboul ad ammettere - circa la possibilità di una deroga perché possa girare anche dopo il GP di Abu Dhabi nel test rookie - "A essere sincero stiamo aspettando una risposta dalla FIA, se non sarà possibile lo accetteremo. A ogni modo abbiamo questi quattro giorni di prove. Fernando è altamente motivato, la sua regolarità e i feedback sono stati impressionanti ed è stato sempre molto veloce rispetto ai piloti giovani".

Un 2021 che dovrà iniziare immediatamente con un focus sul 2022, portare in galleria da subito le idee del progetto che introdurrà la rivoluzione tecnica sull’aerodinamica, punto sul quale Alpine e Alonso confidano per tornare in partita per podi e vittorie. Un 2021 da correre anche sfruttando al meglio le opportunità che arriveranno per le squadre immediatamente a ridosso dei top-2 – sperando tornino a essere le top-3 note, per il tifo ferrarista –.