Velocità è la parla chiave di questo GP di Sakhir che vede per la prima volta le monoposto della Formula 1 sfrecciare sul nuovo circuito ovale del Bahrain. Un tracciato, quello esterno che ha prodotto tempi sul giro al di sotto del minuto e ha spinto i piloti a esibirsi in dei veri e propri giri volanti. Un'altra particolarità di questo pazzo Mondiale 2020.

E non c'è dubbio che questo venerdì di prove libere sia stato molto proficuo in casa Alfa Romeo, con Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen che hanno concluso le FP1 e FP2 senza accusare alcun problema tecnico alle loro C39. Tra raccolta dati, messa appunto dell'assetto della macchina, gestione del carico aerodinamico e il mantenimento delle stressatissime gomme posteriori, il pilota tricolore di Martina franca ha chiuso la giornata soddisfatto del lavoro in pista.

GP Sakhir FP2, Russell: "Lavoro coi migliori, in qualifica e gara sarà una carneficina"

"Io e Kimi dovremo essere intelligenti"

Un 15° crono al pomeriggio, con un tempo di 0:55.858 e 35 giri, migliorato col 13° in serata, a 0:55.533 e altri 57 giri. Per la qualifica del sabato l'obiettivo, come sempre in stagione, è quello di andare oltre il Q1 e ottenere il miglior piazzamento possibile nell griglia di partenza: "Sono abbastanza contento del ritmo che abbiamo mostrato oggi, soprattutto nei run più lunghi. Domani dovrebbe essere una sfida interessante, trovare spazio sarà importante ma sappiamo che tutti cercheranno anche una scia. Dovremo essere intelligenti e giocare bene le nostre carte. Sappiamo che stiamo lottando per essere in Q2 e siamo fiduciosi di avere la possibilità di esserci, quindi vediamo cosa possiamo ottenere questo sabato".

GP Sakhir, Verstappen: "Secondo settore pericoloso"