Dopo il debutto amaro Sebastian Vettel dimentica il Bahrain, con le due penalità e l'incidente con Ocon, e torna nella sua amata Italia per il GP in Emilia Romagna. Sembra pasato un secolo dall'ultima volta che il quattro volte iridato guidava una Ferrari sullo storico circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari. Invece nemmeno un anno dopo è tutto un altro Seb quello che si presenta nella classica conferenza stampa prima del weekend tricolore, secondo GP del Mondiale 2021.

Il feeling con la AMR21 è ancora lontano, ma il tedesco fa tesoro degli errori del GP a Sakhir: "Non è stato un gran GP per noi in Bahrain, però abbiamo lavorato su quanto accaduto e abbiamo reagito. Abbiamo provato a capire un po’ di cose e siamo riusciti a capire un po’ di più la macchina e cosa possiamo fare per migliorare e per metterci nelle condizioni migliori in vista delle prossime gare. Ora però nel team c’è lo spirito giusto.

L'incidente con Ocon? La chiave era capire cosa era successo e imparare da questo per fare in modo che non accada più, e sono sicuro che sarà così. D’ora in poi devo cercare di imparare dai miei errori e anche da quelli degli altri. Voglio fare delle gare pulite, è questo il mio obiettivo".

Una coppa di spumante?

L'umore di Seb, pessimo ovviamente dopo il 15° posto, è migliorato anche grazie alla sosta per le vacanze di Pasqua: "Questa pausa dopo la prima gara è stata positiva. In questi giorni ho lavorato al simulatore per capire come devo guidare la monoposto in alcune circostanze. La verità però è che per ora non siamo dove vorremmo essere ma stiamo crescendo passo dopo passo. L'Aston Martin al momento è lontana dal podio".

Un podio e soprattutto uno champagne che nemmeno a dirlo parla di un grande amore e una domanda fatta dai giornalisti che scatena l'ironia italo-tedesca di Seb: "Si beve sul podio? Ah non lo sapevo. C'è uno spumante italiano? Ah si chiama... Ferrari. Beh, non lo sapevo... Ho guidato una Ferrari ma non ho mai bevuto quello spumante. Sono troppo lontano al momento per pensare di assaggiarlo”.