Marko bacchetta Perez e Tsunoda: irritazione e presunzione

Marko bacchetta Perez e Tsunoda: irritazione e presunzione© Getty Images

Nel caso di Checo, il GP a Imola ha avuto un segno contrario al gran risultato della qualifica e la gestione della temperatura delle gomme ha condizionato la prestazione in gara. Tsunoda bacchettato da Helmut: "E' stato presuntuoso in qualifica"

Fabiano Polimeni

21 aprile

Verstappen, poi il vuoto o quasi. In casa Red Bull, Imola ha regalato la vittoria, una prestazione super di Max, è mancato però il collettivo. Sergio Perez ha scontato le condizioni di aderenza difficili in di gara, dove paga ancora l'adattamento alla RB16B. Se in qualifica è stato monumentale con il giro valso la seconda posizione, non altrettanto si può dire in gara.

Poi AlphaTauri, che piazza Gasly ottavo, penalizzato dalla scelta di montare gomma full wet e tenuta troppo a lungo, sperando che tornasse a piovere sul circuito. Di Tsunoda, invece, tutto è stato condizionato dal grave errore in qualifica. 

Risultato irritante

Il giudizio di Helmut Marko è netto, a partire da Perez e i problemi che ne hanno rallentato il ritmo: "In qualifica ha funzionato così bene per Perez, in gara però non ha portato le gomme in temperatura come è riuscito a Max, pur avendo le gomme morbide. L'undicesimo posto è ovviamente un risultato molto irritante", dice su Servus TV.

Grandi differenze di prestazione tra piloti dello stesso team che già Ross Brawn aveva evidenziato fossero in larga parte dovute alle differenze di gestione della gomma, l'assenza di temperatura quale causa fondamentale. 

Horner: "Aston ingenua se pensa di cambiare i regolamenti"

Mercedes usa meglio le gomme

E della gestione della gomma Marko parla per dire di una Mercedes comunque più competitiva e in vantaggio sul passo gara: "Penso che avessero la macchina più veloce anche a Imola. Noi avremmo voluto essere più rapidi sul giro singolo. Credo che abbia a che fare con le basse temperature e la gestione delle gomme è migliore da parte del telaio Mercedes al momento".

Yuki presuntuoso

Osannato, a ragione, per la grande prestazione prodotta al debutto in Bahrain, a Imola Yuki Tsunoda ha peccato di un eccesso di foga, quando non serviva, la Q1 del sabato. Sulla pista che meglio conosce al volante di una monoposto di Formula 1, resta fuori dalla zona punti e raccoglie il rimprovero di Marko.

"Aveva una macchina veloce e assolutamente in grado di entrare in Q3. È stato un errore molto stupido. Ho parlato a Yuki dopo la gara, era completamente mortificato. In qualifica aveva un tempo molto competitivo nel primo settore, al primo giro. Aggiungere un gran parziale al primissimo giro non sarebbe stato affatto d'aiuto. È stato semplicemente presuntuoso".

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi