Urgono cambiamenti, per dare un segno diverso a una "rischiosa" serie di risultati negativi in qualifica, che da due Gran Premi vedono Esteban Ocon eliminato in Q1. Da un avvio di campionato nel quale, Bahrain a parte, la Alpine meglio piazzata in griglia era quella del pilota francese, si è passati a registrare un Fernando Alonso, da Baku in poi, regolarmente davanti a Ocon. C'è qualcosa in più del normale riadattarsi di Fernando alla Formula 1 e al comportamento della A521, nell'arretramento registrato da Ocon.

L'editoriale del direttore: Carica Red Bull su una Mercedes che soffre

C'è l'analisi dei dati a supportare la tesi di qualcosa legato alla monoposto da correggere, con Esteban che spiega: "Vediamo alcune cose e stiamo registrando delle carenze, però è difficile puntare il dito esattamente contro un elemento. Inoltre non vogliamo dare informazioni agli altri su quel che potrebbe essere", dice a The Race.

Silverstone per un reset

Che fare, quindi? Potrebbe arrivare a Silverstone, prossimo GP in calendario, un telaio nuovo per verificare le sensazioni. Di certo, Ocon - fresco di rinnovo contrattuale - chiede uno sforzo ad Alpine: "A Silverstone ricominceremo daccapo, cambieremo quanti più pezzi potremo in macchina e speriamo di tornare a essere molto più forti. Essere un secondo più lento nel primo run (la Q1 di qualifica; ndr) rispetto a Fernando è una differenza troppo grande.

C'è assolutamente qualcosa che non sta funzionando correttamente e dobbiamo capire", prosegue Ocon, che ad Alpine chiede di sostituire quanti più componenti possibile: "Parlerò con la squadra e vedremo  il massimo che si potrà fare. Più cose riusciremo a sostituire meglio sarà perché avremo un dubbio in meno. 

È chiaro che il divario in prestazione che abbiamo visto negli ultimi due week end non è accettabile".