Non ci si poteva aspettare di più. Questo il responso delle qualifiche per la Sprint Qualifying del GP d’Italia della Ferrari, che ha piazzato le due SF21H in quarta fila con Sainz settimo e Leclerc ottavo.

Non si poteva fare di più perché la Rossa ha mostrato la sua fragilità sui circuiti da basso carico, ma da una situazione di svantaggio il team di Maranello ha tratto il massimo anche perché, solo un anno fa, le Rosse si piazzarono al 13esimo e al 17esimo posto a Monza. Certo, sarebbe stato difficile fare peggio, ma resta comunque uno step buono sul quale programmare la mini-gara di sabato per partire domenica il più avanti possibile.

Cosa ha detto Mekies

"Una sessione di qualifica molto intensa, come sempre accade a Monza, resa ancor più tesa da un problema alla gestione elettronica del freno motore verificatosi sulla vettura di Charles già nel suo primo run in Q1. Abbiamo cercato di individuarne le cause e, progressivamente, la situazione è migliorata ma certamente Charles non ha avuto un pomeriggio semplice da gestire!

Detto questo, il risultato odierno – con i due piloti sulla quarta fila della griglia di partenza della Sprint Qualifying di domani pomeriggio – rispecchia quelle che potevano essere le previsioni della vigilia. Non dimentichiamoci dov’eravamo l’anno scorso su questo tracciato in termini di prestazione assoluta e, pur con le possibilità di sviluppo limitate che ci sono state questa stagione, un progresso si è visto.

Non è ancora abbastanza per un team come il nostro ma anche qui abbiamo potuto verificare che il lavoro che stiamo facendo va nella giusta direzione. Il formato del weekend offre una doppia possibilità per trovare una buona posizione di partenza per la gara ed è quello che cercheremo di fare domani pomeriggio".

Le dichiarazioni di Leclerc

Al box, quello di Leclerc è il volto un po’ più scuro perché la sua qualifica è stata la più complicata. Ha dovuto lottare con un problema al brake-by-wire, che ha influenzato la gestione del freno motore e probabilmente, con la macchina al 100%, avrebbe avuto l’opportunità per puntare almeno alla terza fila

"La mia qualifica oggi è stata particolarmente complicata. Abbiamo avuto un problema con la gestione elettronica del freno motore. La situazione è stata particolarmente critica in Q1, mentre in Q3 è leggermente migliorata. Per domani dovremmo essere a posto.

Considerato tutto, alla fine l’ottavo posto è un buon risultato. Cercheremo di guadagnare delle posizioni nella Sprint Qualifying di domani e così di assicurarci una posizione di partenza migliore per la gara di domenica".

Cosa ha detto Sainz

Più combattivo Sainz, che non si accontenta. Realista sulle possibilità della vettura, sa anche, però, che la Ferrari non può accontentarsi.

"Una sessione di qualifica molto intensa, come sempre accade a Monza, resa ancor più tesa da un problema alla gestione elettronica del freno motore verificatosi sulla vettura di Charles già nel suo primo run in Q1. Abbiamo cercato di individuarne le cause e, progressivamente, la situazione è migliorata ma certamente Charles non ha avuto un pomeriggio semplice da gestire!

Detto questo, il risultato odierno – con i due piloti sulla quarta fila della griglia di partenza della Sprint Qualifying di domani pomeriggio – rispecchia quelle che potevano essere le previsioni della vigilia. Non dimentichiamoci dov’eravamo l’anno scorso su questo tracciato in termini di prestazione assoluta e, pur con le possibilità di sviluppo limitate che ci sono state questa stagione, un progresso si è visto.

Non è ancora abbastanza per un team come il nostro ma anche qui abbiamo potuto verificare che il lavoro che stiamo facendo va nella giusta direzione. Il formato del weekend offre una doppia possibilità per trovare una buona posizione di partenza per la gara ed è quello che cercheremo di fare domani pomeriggio".