Horner e quella superiorità Mercedes che impressiona

Horner e quella superiorità Mercedes che impressiona© Getty Images

Red Bull si interroga sulla velocità di punta trovata da Hamilton in Turchia, un passo avanti non più compensabile con assetti aerodinamicamente meno carichi. Sui "sospetti" legati al motore Mercedes chiarisce: "Non siamo stati i soli a rivolgerci alla FIA"

Fabiano Polimeni

12 ottobre 2021

Dopo Sochi, l'ambiente Red Bull guardava alle sette gare restanti, decisive per il mondiale, con la fiducia di chi se la sarebbe giocata alla pari, senza più piste marcatamente favorevoli a Mercedes.

Il GP di Turchia è in archivio e l'esibizione Red Bull è stata lontana dall'essere una concreta minaccia per Bottas. Nonostante tutto, ripartono alla volta di Austin con una testa del mondiale Piloti riconquistata. Ma anche con rinnovati sospetti, ancora intorno alla power unit Mercedes.

La richiesta di chiarimenti avanzata dopo la pausa estiva, intor


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi