Due gare alla fine di un mondiale infinito, due gare per decidere chi diventerà campione del mondo tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Il primo chiamato ad inseguire, a recuperare 8 punti di distacco che con la Mercedes vista in azione tra Interlagos e Losail fanno meno paura, il secondo con il desiderio di cogliere la prima occasione della vita per portare a casa l'alloro iridato. E tra i due, sarà Max l'uomo che avrà a disposizione, nel GP d'Arabia Saudita, il primo match point dell'anno.

Binotto: "Mai un vero sviluppo sulla SF21, focus sempre sul 2022"

Max campione a Jeddah se...

L'olandese della Red Bull non si è mai ritrovato in questa situazione, quella di poter iniziare il GP con l'opportunità matematica di chiudere i conti. Un'ipotesi che Verstappen ha detto di non prendere in considerazione, preoccupato com'è di difendersi dalla rimonta Mercedes. Eppure, i conti sono semplici: Max, con i suoi 8 punti di vantaggio, ha bisogno di guadagnarne 18 su Hamilton per chiudere i giochi già a Jeddah. Se infatti Verstappen si ritrovasse con 26 punti di margine prima di Abu Dhabi, Lewis non avrebbe possibilità di recuperarlo: se anche l'inglese negli Emirati portasse a casa vittoria e giro veloce con l'olandese fuori dai punti, i due si ritroverebbero appaiati in classifica ma con una vittoria in più per Max (al momento sono 9-7) a decretare la fine del campionato a favore del numero 33.

Ecco le combinazioni che servono a Verstappen per vincere il titolo a Jeddah:


- Verstappen 1° con giro veloce; Hamilton 6° o peggio
- Verstappen 1°; Hamilton 7° o peggio (giro veloce ininfluente in questo caso)
- Verstappen 2° con giro veloce; Hamilton 10° o peggio
- Verstappen 2°; Hamilton non prende punti (giro veloce ininfluente in questo caso)

Mercedes: "Carichi di energie e cavalli in vista per gli ultimi due round"

Primo match point anche nel Costruttori

Al tempo stesso, grazie al +5 in classifica, anche la Mercedes al GP d'Arabia Saudita avrà il primo match point per assicurarsi il titolo a squadre. Ai campioni in carica serve comunque una giornata no della Red Bull, dovendo guadagnare ben 40 punti a Jeddah per chiudere subito i giochi. Se invece il team di Toto Wolff si portasse sul +44, ancora non sarebbe detta l'ultima parola: la Red Bull con doppietta e giro veloce potrebbe in teoria recuperare tutto lo svantaggio ad Abu Dhabi, ed in caso di pari punti conterebbero le vittorie: con questo scenario (successo Mercedes a Jeddah e ribaltone Red Bull allo Yas Marina) il titolo andrebbe ai bibitari, che potrebbero contare una vittoria in più.

Ocon avverte Piastri: "Da pilota di riserva per lui sarà un anno lungo"