La nostalgia del Leone: l'intervista a Nigel Mansell

La nostalgia del Leone: l'intervista a Nigel Mansell

Nigel Mansell torna con la mente e col cuore ai suoi 2 anni alla Rossa, con vittorie cult e l'onore di essere l'ultimo pilota scelto da Enzo Ferrari

Alessandro Gargantini

19 agosto

Varcando i cancelli di Silverstone, la casa delle corse inglesi, è difficile non pensare a Nigel Mansell. Quella del Northamptonshire era la sua pista: non quella attuale, tecnica e sublime, ma quella di un tempo, brutale, velocissima, senza via di fuga nei punti più pericolosi. Tra i layout che più facevano battere il cuore, spicca quello da 4.778 metri, usato tra il 1987 ed il 1990, dove Becketts era un gomito che portava all’esterno e la Stowe, la Club e Copse due curvoni dove il coraggio faceva sempre la differenza. Quella, era la riserva di caccia di Nigel, dove la piazza d’onore era spesso il miglior risultato cui ambire. Nella Silverstone che ha re


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi