Molti errori hanno caratterizzato la prima sessione di prove libere a Montecarlo, probabilmente anche per la maggior confidenza iniziale data sia dal nuovo asfalto, sia dalle gomme più morbide portate in questa occasione dalla Pirelli. Di fatto non cambia granché la situazione complessiva, che vede sempre davanti le Mercedes e in particolare quella di Hamilton che ha preceduto Rosberg di 1 decimo. Segue la Ferrari di Vettel, staccato di 4 decimi, mentre Raikkonen non è riuscito a migliorarsi per via di una serie di virtual safety car e resta 9°.

Alle spalle di Vettel, una sequenza di "Tori": quarto è Ricciardo a 8 decimi, seguito da Verstappen (mezzo decimo in più) e da Kvyat (altro mezzo decimo). Che la Toro Rosso possa mettersi in luce lo parrebbe dimostrare anche Sainz pure lui in top ten, 10° a 1"6 appena dietro Raikkonen e davanti a Bottas, ma pure le Force India sono "messe bene" con il 7° e l'8° tempo per Hulkenberg e Perez nell'ordine (1"0 e 1"1 il loro distacco dal vertice).

Ora resta da vedere se si farà in tempo a sistemare prima della seconda sessione, alle ore 14, i danni sulle vetture di Massa (che ha picchiato alla St.Devote divellendo le sospensioni sinistre) e di Ricciardo. Preoccupante che quest'ultimo abbia colpito un tombino sollevato dalla macchina di Rosberg subito davanti. Se l'è cavata con una foratura, ma poteva essere ben più sfortunato.

Qui tutti i tempi delle prove.

La cronaca "live"

ore 11.30 - La sessione si conclude anticipatamente per via di detriti in pista alla St.Devote che causano forature sia a Rosberg che a Button e l'uscita della bandiera rossa. Così la situazione finale, dunque: Hamilton, Rosberg, Vettel, Ricciardo, Verstappen, Kvyat, Hulkenberg, Perez, Raikkonen e Sainz.

ore 11.20 - Lunghi e intraversate per Button, Bottas (all'interno del tunnel, stranissimo) e Kvyat, ma il russo riesce a portarsi 6° appena dietro a Ricciardo e Verstappen, per 55 millesimi dall'olandese. Raikkonen non è riuscito a salire più che 9° per via delle precedenti VSC.

ore 11.10 - Altra virtual safety car quando Palmer va a toccare il rail all'uscita delle Piscine, poco dopo un'altra VSC per Gutierrez che si era fermato al Portier per problemi di motore. Nel frattempo con le ultrasoft Vettel è salito 3° con 1'15"956 (a 0"419) dopo un lungo alla chicane nel primo giro lanciato.

ore 11.00 - C'è lotta per il terzo posto fra Verstappen e Ricciardo che si alternano. L'ultimo a far segnare il 3° crono in 1'16"371 con le ultrasoft è Max.

ore 10.50 - Questa la situazione poco dopo metà sessione: Hamilton, Rosberg, Ricciardo, Verstappen, Vettel, Sainz, Hulkenberg, Bottas, Kvyat e Raikkonen.

ore 10.40 - Molti arrivano "lunghi" alla staccata per la chicane dopo il tunnel, compreso Hamilton, e fra tutti svetta Gutierrez per il "numero" che fa nel tenere la sua Haas "scappata" in frenata.

ore 10.30 - Esce la safety car virtuale per via della toccata di Massa alla St.Devote: il brasiliano ha perso il posteriore e metà curva andando a picchiare, piegando entrambe le sospensioni sinistre. La macchina viene rimossa velocemente con le gru e si riprende poco dopo.

ore 10.20 - Anche Hamilton scende in pista con gomme ultrasoft, arrivando a 1'16"588. È il primo a completare dieci giri di pista.

ore 10.10 - Rosberg è il primo a inanellare una serie di giri consecutivi, senza "installation lap", per verificare il comportamento alla distanza delle gomme ultrasoft viola che monta: arriva a 1'19"192.

ore 10.00 - Iniziano le prove libere a Montecarlo. Primo in pista è Gutierrez, seguito da Grosjean, Palmer, Nasr e Magnussen, quest'ultimo già con la mescola più morbida di Pirelli disponibile, la ultrasoft viola.

Introduzione

Partono alle ore 10 del mattino le prove libere in preparazione al GP di Monaco, sesta prova del Mondiale F1 2016. Sempre al giovedì anziché al venerdì, come è tradizione nel Principato, e sempre con la nostra cronaca diretta a seguirle, sia qui sul web che sul nostro canale Twitter dedicato @autosprintLIVE.

I numeri chiave di Montecarlo.

In questa occasione si useranno, per la prima volta in questa stagione, le mescole più morbide della gamma Pirelli da Formula 1: cioè le soft gialle, le supersoft rosse e quindi le "debuttanti" ultrasoft viola. Ci aspettiamo che, oltre ai consueti test di tipo aerodinamico - un aspetto che però su questo tracciato è meno influente che altrove - si approfitti già in questa prima sessione per collaudare e verificare il comportamento pratico della gomma più morbida disponibile.

La Pirelli anticipa le sfide di Monaco.

Il tracciato è quello atipico ma altrettanto glamour di MonteCarlo, circuito cittadino di 3.337 metri che si snoda in piena cittadina per 19 curve (e un tunnel…). Presenta una sola zona DRS, quella del "rettilineo" (in realtà piuttosto "storto") di partenza, e rispetto agli anni passati ha visto la riasfaltatura delle curve dalla 1 alla 4 (cioè da St. Devote a Casino) e dalla 12 alla 19 (cioè Tabaccaio e Noghes), oltre ad alcuni miglioramenti delle strutture di protezione.

La cronaca su Twitter