Mercedes, il podio in Spagna premia il team. Wolff: restiamo realisti

Mercedes, il podio in Spagna premia il team. Wolff: restiamo realisti© Getty Images

Il lavoro di sviluppo portato avanti in fabbrica ripaga con il doppio podio di Hamilton e Russell e un distacco molto inferiore rispetto al GP di Miami. Red Bull resta però su un altro livello

F.P.

5 giugno

A fine gara restano, ancora, oltre 24 secondi a separare Lewis Hamilton da Max Verstappen. Eppure, il doppio podio Mercedes nel GP di Spagna regala qualche sorriso nel box. La direzione imboccata con gli sviluppi portati al debutto a Montecarlo premia la squadra, su un circuito completo. 

"Sono davvero soddisfatto del duro lavoro che è stato fatto a Brackley e a Brixworth", esordisce Wolff. 

La Mercedes "da gara" avvicina Red Bull

"Abbiamo preso la decisione di seguire una direzione tecnica differente a inizio anno e abbiamo cambiato molti componenti. È stata una mossa rischiosa ma tutti hanno spinto in avanti e abbiamo una buona macchina da gara".

Ecco, la Mercedes W14 "da gara" è stata mediamente molto più competitiva di quella sul giro secco in tutte le gare corse quest'anno.

È la misura del gap rimediato dal vincitore a dare, però, un conforto evidente al lavoro di sviluppo. A Miami, con un Verstappen in rimonta, quindi con altro potenziale margine da sommare al tempo di gara, Russell chiuse a 33 secondi di distacco. Hamilton a Barcellona a 24".

Ora il rinnovo di Hamilton

Con una direzione tecnica che pare essere ben delineata, il post-GP di Spagna vedrà subito, già oggi, un incontro tra Hamilton e Wolff per discutere del rinnovo di contratto. Un'anticipazione diffusa da Lewis, sulla quale Toto si limita ad aggiungere: "Dovremo sederci davanti a un caffè con Lewis, per ora parliamo della macchina".

La W14 è emersa a Barcellona come seconda forza dello schieramento, in un fine settimana insolitamente debole per Aston Martin. Dispersi a più di un minuto Stroll e Alonso, con la gara di quest'ultimo condizionata dalla pessima qualifica.

Condizioni ottimali, Red Bull resta distante

"Abbiamo ottenuto un buon risultato ma dobbiamo essere realisti. Le temperature più basse, in gara e al sabato, ci hanno aiutato: la macchina ha lavorato in una finestra enorme, perché non ha fatto né troppo freddo né troppo caldo", analizza Wolff.

"Adesso dobbiamo continuare a limare i dettagli. Manteniamo, però, le nostre aspettative con i piedi per terra, c'è una lunga strada da percorrere per agganciare Red Bull. È tuttavia positivo vedere che ci stiamo muovendo nella giusta direzione"


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi