FDA, Armstrong è out. Matassa: "In lotta per il titolo in due serie"

FDA, Armstrong è out. Matassa: "In lotta per il titolo in due serie"© Ferrari

Le attività Ferrari Driver Academy sono partite a Maranello con 7 dei 9 piloti seguiti dal programma. Non ne fa più parte Marcus Armstrong. Marco Matassa indica gli obiettivi dopo un 2021 definito "di semina"

F.P.

8 giorni fa

Tutti in classe, per il primo "giorno di scuola" alla Ferrari Driver Academy. Si apre la stagione per i 9 talenti che verranno seguiti dalla FDA diretta da Marco Matassa. Tre new entry, un addio e un pilota - Callum Ilott - al quale è stata concessa una licenza annuale per gareggiare in Indycar: difficile seguire l'inglese con gli standard della FDA nell'impegno Oltreoceano, spiegano a Maranello.

In F3 con Prema

Per seguire gli sviluppi dei giovani piloti curati dall'Academy si dovrà guardare alla Formula 3, vista l'assenza di piloti in Formula 2. Esce dalla FDA Marcus Armstrong, mentre vi accedono Oliver Bearman, Rafael Camara e Laura Camps Torres. Quest'ultima è la seconda ragazza a essere selezionata dal programma Girls on Track Rising Stars, dopo Maya Weug, che nel 2022 correrà in Formula 4 italiana, così come faranno James Wharton e Rafael Camara. Per Camps Torres, invece, una stagione sui kart e presa di contatto con la macchina di F4.

LEGGI ANCHE - Maserati torna a correre: il Tridente in Formula E nel 2023

 “L’avvio di una nuova stagione per la Ferrari Driver Academy è un momento solenne, ancor di più quest’anno: in tempo di perdurante pandemia, è splendido poter tornare ad aprire le porte della Gestione Sportiva ai nostri ragazzi. Avremo nove allievi da seguire e ad ognuno di loro daremo tutta la nostra esperienza, aiutandoli a farsi strada in un ambiente ultra competitivo come quello delle corse in monoposto", spiega Marco Matassa, responsabile della FDA.

In Formula 3, correranno con Prema Arthur Leclerc e Ollie Bearman, mentre Dino Beganovic prenderà parte al campionato Formula Regional europeo. Tutti e tre inizieranno la stagione dalla Formula Regional Asia, Beganovic a tempo pieno sui 5 appuntamenti tra gennaio e febbraio.

Piloti e persone da formare

“La classe 2022 della Ferrari Driver Academy ha iniziato oggi il suo cammino. Questo è sempre un giorno importante, per i ragazzi e le ragazze che ne sono protagonisti ma anche per la Scuderia Ferrari, perché questo programma è una parte importante di ciò che vuol dire #essereFerrari. 

Dalla FDA non vogliamo soltanto tirare fuori i migliori talenti per portarli a correre con le nostre monoposto in Formula 1 ma desideriamo formare delle persone e dei piloti che sappiano interpretare al meglio i valori che contraddistinguono la Scuderia Ferrari", commenta Mattia Binotto.

LEGGI ANCHE - Ferrari, Binotto resta a capo della GeS nella riorganizzazione dei ruoli

La prima settimana di attività ruoterà intorno a giornate di formazione, workshop che spazieranno da temi come l'alimentazione all'ingegneria in gara, fino all'assunzione delle decisioni sotto stress. Spazio anche all'attività in pista, kart soprattutto, in collaborazione con Tonykart.

"Quest’anno abbiamo sette ragazzi e due ragazze che proseguiranno il loro percorso verso quell’obiettivo finale che è la Formula 1, un campionato in cui nel 2022 il 20% dei piloti iscritti è stato o è ancora parte della FDA", aggiunge Binotto.

Dalla semina 2021 al raccolto 2022

Ai 7 piloti presenti fisicamente a Maranello per l'avvio delle attività si uniscono, idealmente, Mick Schumacher e Robert Shwartzman. Per Mick, seconda stagione in Haas, mentre Shwartzman lavorerà con Ferrari dal ruolo di tester. 

"Il 2021 è stato un anno di semina, nel quale molti dei nostri talenti hanno esordito in categorie nuove: mi aspetto che in questa stagione si inizino a raccoglierne i frutti. Vogliamo più vittorie e vedere i nostri ragazzi in lizza per i titoli in almeno due campionati", ha proseguito Matassa.

"Voglio anche fare un grosso in bocca al lupo alle nostre matricole, Oliver, Rafael e Laura, che oltre ad essere piloti di sicura prospettiva confermano il successo del nostro schema di selezione dei talenti, basato sulle partnership con ACI, Tony Kart, Escuderia Telmex e Motorsport Australia, nonché con la FIA Women in Motorsport Commission per il programma Girls on Track – Rising Stars nel quale crediamo fortemente".

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi