La corsa verso la Triple Crown sarà tutta in salita per Fernando Alonso. Lo spagnolo, al suo terzo tentativo di vincere la 500 Miglia di Indianapolis, si è qualificato solo al 26esimo posto.

La sua Arrow McLaren SP è finita in nona fila, in crisi di potenza come quasi tutti i team motorizzati Chevrolet che non sono stati in grado di contrastare la velocità delle squadre spinte dai propulsori Honda.

Nelle retrovie, infatti, sono finiti big del calibro di Josef Newgarden, Will Power, Simon Pagenaud e Helio Castroneves, ma Alonso non si è lasciato abbattere dalle scarse prestazioni della qualifica. La monoposto, a suo modo di vedere, ha il ritmo giusto per la gara.

"Mi sento bene - Ha dichiarato - Ovviamente non siamo stati abbastanza veloci per finire tra i primi nove, quindi abbiamo puntato a qualificare la macchina senza correre troppi rischi. Non siamo stati veloci come volevamo, ma lavoreremo sulla macchina. Siamo dietro, quindi abbiamo bisogno che la vettura si comporti bene nel traffico. Penso che, per quanto riguarda il passo, siamo messi bene per la gara perché il ritmo che abbiamo non è male. Abbiamo acquisito un po’ più di fiducia. È chiaro che è preferibile partire davanti, ma ora non ci resta che aspettare la gara e vedere come andranno le cose”.