Mancano ancora due appuntamenti al termine del mondiale WRC 2021, che deve fare tappa in Catalogna ed a Monza, ma per la Toyota è già tempo di guardare alla prossima stagione. Da una parte ci sono i due titoli da portare a casa in questo campionato, dall'altro un'annata 2022 già pianificata.

Leclerc: "Il nuovo motore un passo avanti nella giusta direzione"


Evans e Rovanpera i titolari

In quella che sarà la prima stagione con le vetture ibride, la Toyota si presenterà ai nastri di partenza del prossimo mondiale con Elfyn Evans e Kalle Rovanpera nelle vesti di piloti ufficiali, mentre il sette volte iridato (otto se vincerà anche quest'anno) Sebastien Ogier farà un passo indietro: per lui ci sarà un impegno part-time, con la terza vettura nipponica che verrà condivisa da lui e da Esakeppa Lappi, al ritorno in Toyota dopo tre anni. Quindi per il 2022 non cambierà solo la macchina (la Yaris WRC andrà in pensione per lasciare il posto alla GR Yaris Rally1, che come detto ospiterà un sistema ibrido), ma anche la squadra, con una line-up rinnovata per la Toyota Gazoo Racing.

GP Turchia, Verstappen: "Voglio il titolo, ma vincerlo o meno non mi cambierà la vita"


Latvala soddisfatto dei suoi piloti

Alla base della decisione, la volontà di Ogieri di dedicare più tempo alla famiglia: "Desidero avere più tempo per la mia famiglia, ma sono felice di restare con la Toyota. Chiariremo in seguito gli impegni, ma voglio dare il mio contributo per lo sviluppo della macchina e la conquista del titolo Costruttori. Sono curioso di scoprire la nuova generazione di vetture". Felice anche Jari-Matti Latvala, convinto di avere garantito alla squadra nipponica con sede in Finlandia le migliori scelte possibili in fatto di piloti: "Elfyn è un pilota molto costante, aiuta sempre il team ad ottenere punti per il campionato, ma come ha dimostrato con la sua vittoria al Rally di Finlandia, è anche assolutamente uno dei piloti più veloci e sicuramente uno dei contendenti per vincere il titolo. Da parte di Kalle quest'anno abbiamo visto grandi prestazioni, cresce continuamente e man mano che acquisisce esperienza diventerà sempre più un candidato al titolo. Esakeppa invece è il pilota ideale per alternarsi con Sebastien".

GP Turchia, Hamilton: "Pressione? No, ho tanti modi per scaricarla"