Monsieur Dakar affronterà la sua trentunesima avventura nel raid più celebre navigato da Paulo Fiuza, dall'abitacolo del buggy MINI JCW. Un avvicendamento che arriva a pochi giorni dal via della Dakar 2020, in Arabia Saudita. Un cambio di programma rispetto a quanto Stephane Peterhansel aveva anticipato nei mesi scorsi: correre il rally raid con la moglie Andrea nei panni di navigatore.

Alla presentazione del percorso, Peterhansel spiegava quanto fosse importante l’edizione 2020, “Quest’anno sarà molto speciale per me, negli ultimi 20 anni ho corso la Dakar con lo stesso copilota (David Castera; ndr) e da due anni il programma era di correre la Dakar con mia moglie. L’anno scorso non era pronta, la prossima Dakar sarà la prima che faremo insieme e sarebbe fantastico se riuscissimo a finire sul podio”.

Ferrari, ufficiale il nuovo contratto per Leclerc

Stop per motivi di salute

Per motivi di salute, sarà il portoghese Fiuza a sostituire Andrea Peterhansel, che non ha ricevuto il via libera dei medici del team, dopo aver saltato anche la prova corsa lo scorso novembre, il Riyadh Rally.Abbiamo provato e sperato fino all’ultimo minuto, putroppo, però, Andrea non può correre la Dakar 2020”, ha annunciato Sven Quandt, responsabile della struttura X-Raid che schiera i buggy MINI JCW.

WRC, Pirelli fornitore ufficiale fino al 2024

“Andrea e Stephane hanno corso una stagione fantastica e sarebbero stati sicuramente tra quanti avrebbero fatto corsa di testa in Arabia Saudita, però la salute viene prima.

Siamo certi che Paulo svolgerà un ottimo lavoro, lui e Stephane hanno lavorato bene al Riyadh Rally”.

Il secondo equipaggio X-Raid sarà composto dalla storica coppia Sainz-Cruz.