Formula E in pista da sabato, con i test di Valencia, tre giornate per capire dove si è in vista del debutto del mondiale a Santiago del Cile, a metà gennaio. In pista andrà una Mahindra completamente rinnovata, dai piloti al motogeneratore della M7Electro. Ed è la novità più importante, da leggere nell’ottica della Stagione 7 e Stagione 8, con le limitazioni dettate dal regolamento tecnico: sarà possibile omologare una sola specifica di powertrain nell’arco di due campionati.

Motori 2025 secondo Toto: giù i costi, focus su benzine e cv elettrici

ZF è azienda leader nel campo delle trasmissioni. Con l’elettrificazione ha sviluppato numerose soluzioni di ibrido adottate da molte case costruttrici europee, installando il motogeneratore all’interno della scatola del cambio. Con Mahindra ha avviato una collaborazione tecnica prima dell’inizio della scorsa stagione, adesso introduce un motogeneratore tutto nuovo, sul quale Dilbagh Gill riversa alte aspettative:La cosa più importante è aver cambiato powertrain, è tutto nuovo ed è fornito da ZF e siamo davvero entusiasti perché dopo molto tempo stiamo cambiando ogni parte della macchina e quella che vedrete è completamente nuova: dallo sviluppo al banco alla pista, durante i test, sono arrivate indicazioni avvincenti”.

L’obiettivo è di tornare in lotta per il podio, sperando anche in qualcosa in più: “Adesso siamo pronti per lanciare la sfida al campionato del mondo e l’ambizione è di essere i primi campioni del mondo di Formula E”, azzarda Gill.

Nuova macchina e nuovi piloti

Lo strumento M7Electro è affidato a una coppia di piloti tutta nuova, con l’esperienza giusta in Sims – ex BMW – e Lynn – già DS e Jaguar, nonché sostituto di Wehrlein negli ePrix di Berlino –: “Ho passato gli ultimi mesi a integrarmi nel team, a conoscere tutti e imparare come lavorano. È stato fantastico, abbiamo svolto tanti utilissimi test al simulatore ma sono i test in pista che abbiamo fatto ad avere un valore incalcolabile e sono andati bene. È difficile trarre confronti sulle prestazioni ma ho avuto impressioni fondamentali sul sistema e il software, ZF ha svolto un buon lavoro sul fronte hardware del powertrain.

ePrix Diriyah, novità notturna per la Formula E

Non sapremo dove saremo in termini di competitività fino ai test di Valencia e le gare, le prime impressioni sembrano buone e stiamo lavorando sodo per proseguire con le regolazioni più minuziose e ottimizzare il pacchetto”, ha spiegato Sims.

Accanto avrà un Alex Lynn veloce e competitivo in Formula E: “Ho avuto modo di guidare in diverse giornate di test la M7Electro e siamo tutti piuttosto orgogliosi di ciò che abbiamo messo insieme.

Siamo qui per lottare stabilmente per vittorie e podi, da parte mia sono estremamente concentrato nel portare i risultati che merita il team”.