La Ferrari manca per un soffio l’appuntamento con la settima pole consecutiva. Vettel, in USA, non è riuscito a battere il tempo di Bottas per appena 0.012” e Leclerc, tradito da problemi di affidabilità durante le libere di sabato mattina, ha firmato il quarto tempo.

I valori, però, sono vicinissimi. I primi tre, infatti, sono racchiusi in appena un decimo: “Oggi è stata una qualifica molto serrata - Ha commentato Binotto - E penso che questo sia un fatto positivo per il nostro sport, anche se come Ferrari ci dispiace un po’ perché Seb era vicinissimo alla pole position”.

La delusione più grande è per Leclerc, tradito dall’affidabilità. Un tema sul quale in Ferrari devono lavorare seriamente per evitare, nel 2020, di perdere occasioni come è successo in questo campionato: “Per quanto riguarda Charles è un peccato, dato che il problema al motore che ha avuto in mattinata gli ha fatto perdere l’intera sessione di libere. Ciò si è rivelato abbastanza negativo per lui, in termini confidenza con la vettura, dopo le modifiche di configurazione che abbiamo apportato da ieri. Sono sicuro che avrebbe potuto fare molto meglio con più tempo in pista a disposizione” ha proseguito il team principal della Rossa.

Binotto chiude anticipando quelli che saranno i temi del GP. Con un auspicio per il destino della Rossa, visto che, quando è partita davanti, non poche volte ha raccolto quanto seminato: “La gara sarà lunga, abbiamo bisogno di un buon inizio, di una buona strategia e di bei duelli per offrire uno spettacolo entusiasmante ai nostri fan. Saranno importanti sia il ritmo di gara che il degrado delle gomme. Credo che siamo migliorati e sono sicuro che i nostri piloti saranno in grado di combattere con i loro rivali. Siamo partiti davanti più volte senza riuscire a vincere, vediamo se questa volta possiamo invertire la tendenza.”