Ad Abu Dhabi si è conclusa la prima giornata di test Pirelli, chilometri utili per valutare le gomme 2020, effettuare prove comparative con le 2019 e capire le differenze nel funzionamento, oltre all’impatto di pressioni di gonfiaggio destinate a essere su valori più bassi con le costruzioni e mescole sviluppate in vista del prossimo anno.

Test serviti ai team anche per collezionare dati di tipo aerodinamico, da portare in fabbrica e analizzare per programmare lo sviluppo delle monoposto 2020.

In azione in prevalenza i piloti titolari, salvo le scelte di Toro Rosso e Williams a offrire un’uscita rispettivamente a Sean Gelael e Roy Nissany.

Hamilton alla Ferrari? Che ne pensate? VOTA IL SONDAGGIO

Verstappen guida il contagiri

Il pilota che ha completato più giri è stato Max Verstappen, con 153 passaggi, seguito da Romain Grosjean a quota 146 e Valtteri Bottas con 138 tornate.

Sterzi a parte: C’era una volta il mercato piloti

Il finlandese è risultato anche il più rapido, per quanto possano contare i tempi durante un test di fine stagione. L’1’37”124 è risultato oltre 8 decimi più rapido dell’1’37”991 di Sebastian Vettel.

Vettel-Perez bagarre da gara

In casa Ferrari, 136 giri all’attivo, con un break al mattino che sembrerebbe sia stato dettato da un problema a uno scarico, secondo quanto riportato da Sky Sport. Al pomeriggio un piccolo fuori programma, per un testacoda provocato da Sergio Perez in ingresso della variante al termine del secondo lungo rettilineo da DRS. Entrambe le monoposto hanno ripreso la via della pista senza riportare danni nel contatto tra la gomma anteriore destra della Racing Point e la posteriore sinistra della SF90.

Programma di giornata chiuso un po’ prima della bandiera a scacchi, sventolata alle 15:00, per Alfa Romeo, causa un problema tecnico sulla macchina di Kimi Raikkonen, autore di 93 giri.

I tempi e le gomme utilizzate

Da segnalare come i migliori tempi per Bottas e Raikkonen siano stati ottenuti con gomme 2019, mentre tutti gli altri piloti hanno segnato la prestazione con le mescole 2020.

Paul Ricard pensa a rifarsi il look, Zandvoort svela la sopraelevata

Domani si replica per gli ultimi chilometri in pista del 2019. In azione ci sarà ancora Esteban Ocon su Renault, oggi al debutto ufficiale con il nuovo team e autore di 77 giri con un tempo di 1’39”962, ottavo riferimento assoluto. Passerà dalla mattinata spesa oggi in Williams a una giornata intera sulla Mercedes W10, invece, George Russell.

1. Bottas

1’37”124 (138 giri)

C4 2019

Mercedes

2. Vettel

1’37”991 (136)

C5 2020

Ferrari

3. Kvyat

1’38”183 (72)

C5 2020

Toro Rosso

4. Perez

1’38”434 (120)

C5 2020

Racing Point

5. Grosjean

1’39”526 (146)

C5 2020

Haas

6. Norris

1’39”741 (125)

C5 2020

McLaren

7. Verstappen

1’39”926 (153)

C3 2020

Red Bull

8. Ocon

1’39”962 (77)

C4 2020

Renault

9. Russell

1’40”368 (87)

C5 2020

Williams

10. Raikkonen

1’40”903 (93)

C4 2019

Alfa Romeo

11. Gelael

1’41”640 (67)

C4 2020

Toro Rosso

12. Nissany

1’44”760 (41)

C3 2020

Williams