L’obiettivo sarà, anzitutto, quello di confermare la posizione di prima inseguitrice dei big. Il 2019 della McLaren si è chiuso su note altamente positive, tanto più verificando il progresso rispetto al campionato precedente.

Non sono mancati gli acuti, risultati come il podio di Sainz in Brasile e gare corse saldamente da quarta forza in campo, come in Francia e in Belgio, Spa rovinata nel risultato conclusivo dal problema tecnico occorso a Norris all’ultimo giro di gara.

Pensiero positivo e realista

A Woking la nave sembra avviata sulla giusta rotta, con Andreas Seidl al timone e un organigramma profondamente rinnovato, al quale affidare strutture e risorse frutto di nuovi investimenti da parte dell’azionariato di McLaren Racing.

Leggi anche: Kubica sceglie Alfa Romeo, sarà pilota di riserva nel 2020

“Stiamo affrontando un viaggio e si percepisce all’interno della squadra il grande slancio, l’impegno da parte degli azionisti e l’approccio della squadra; cose che mi rendono fiducioso sulle possibilità di tornare di nuovo al successo, però serve essere realisti su ciò che è raggiungibile di anno in anno”, spiega Seidl.

È realistico lottare ancora per il quarto posto nel Costruttori, l’ideale sarebbe riuscirci riducendo il distacco dal terzetto Mercedes-Ferrari-Red Bull, erodere decimi al solco che separa i due campionati di fatto in scena.

Il progetto 2020, vista la continuità regolamentare, andrà a evolvere le scelte di base della MCL34, tra ala anteriore vicina alla filosofia introdotta dalla Ferrari e una sospensione anteriore affinata nel concetto e nei cinematismi del puntone e il raccordo con il portamozzo. Quest’ultima, interpretazione in grado di assicurare prestazione nelle curve lente e gestire al meglio le variazioni di altezza da terra in fase di inserimento.

L'editoriale del Direttore: Quei botti di fine anno

Bilancino tra 2020 e 2021

“Sono molto soddisfatto dei progressi che verifico in fabbrica sui preparativi per la stagione 2020. Credo abbiamo capito molto bene quali fossero i punti deboli della MCL34 ed è fantastico vedere come tutto il team stia lavorando duramente per migliorare. Sono fiducioso riusciremo a compiere il prossimo passo, ridurre ulteriormente il gap nel tempo sul giro dai tre top team.

Come tutti vogliamo partire bene, la velocità della monoposto 2020 determinerà per certi versi quando trasferirai tutte le risorse sul 2021. E’ un gioco d’equilibrio che si ripete ogni anno ma questa volta sarà un po’ più estremo a causa dei cambiamenti nei regolamenti tecnici. Non sacrificheremo il 2020, vogliamo correre un’altra bella stagione perché è importante progredire di continuo nello sviluppo della squadra.

Dobbiamo migliorare ovunque, l’obiettivo è quello di tornare a essere i migliori in futuro e sappiamo che siamo lontani dal riuscirci al momento. Non ci lasciamo trasportare dalla buona stagione corsa, resteremo umili e continueremo a rispettare gli avversari. Siamo consapevoli dei nostri punti deboli e lavoreremo per migliorare”, ha commentato Seidl.