Essere Jacques Villeneuve non è mai stato facile, per via di un cognome la cui pressione avrebbe potuto schiacciare chiunque. Invece Jacques Villeneuve è riuscito a ritagliarsi una carriera tutta sua, vincendo la 500 Miglia di Indianapolis, il campionato Cart e giungengo laddove papà Gilles non era arrivato, ovvero al titolo mondiale in Formula 1.

Gilles, 70 anni mancati

Una dinastia da corsa

Oggi Jacques compie 49 anni e questa è una ricorrenza giusta per riparlare di lui ma anche del padre, con i due Villeneuve collegati da linea sottile che unisce padre e figlio nella passione per le corse. Tanto diversi Jacques e Gilles, con Jacques che ha dovuto lottare per uscire dall'ombra del papà, un monumento delle corse che dopo quasi 38 anni dalla scomparsa non viene mai dimenticato. Jacques, nato appunto il 9 aprile 1971 a Saint-Jean-sur-Richelieu, era solo un bambino quando il papà è volato via, e da lì ha cominciato a lavorare ad una carriera che dopo l'esperienza formativa in America lo ha proiettato in F1 dalla porta principale, con la super Williams del 1996: pole e 2° posto al debutto a Melbourne, nella prima tappa di un campionato poi vinto dal suo compagno Damon Hill. La gloria per Jacques arriverà l'anno dopo, con il famigerato epilogo di Jerez '97, con il figlio di Gilles che resisterà alla ruotata di Schumi per andare a vincere il titolo.

Arnoux e Jacques nel nome di Gilles ai Caschi d'oro 2019

Il ricordo di Gilles

Fu uno strano scherzo del destino, il figlio di Gilles, uno dei piloti Ferrari più amati di sempre, a togliere proprio al Cavallino la gioia di un mondiale. Villeneuve senior non è mai stato dimenticato dal popolo ferrarista, che in Jacques ha visto sempre e solo un avversario, sebbene con un occhio di riguardo. Quello che ha fatto Gilles con la Ferrari resta un qualcosa di unico, e fare gli auguri a Jacques nel giorno del suo compleanno è anche un modo per ricordare Gilles, nel giorno in cui 49 anni fa divenne papà.

F1, orgoglio italiano: Jody, Gilles ed il trionfo di Monza 1979