Felipe Massa conosce la Ferrari molto bene, e più di altri ha la facoltà di poter esprimere alcune opinioni sul Cavallino Rampante. Da un'intervista con Sky Sports Uk escono dichiarazioni interessanti, che riprendono passato, presente e futuro di Maranello.

F1 2020, i record che potrebbero (non) essere battuti

Più di 10 anni senza titoli

Massa dà uno sguardo di insieme sull'ultimo decennio ferrarista ed oltre: "Non dobbiamo dimenticare che l'ultimo titolo la Ferrari lo ha vinto nel 2008. E' un dato di fatto che ottimi piloti sono passati di lì e non sono stati in grado di vincere. Io sono stato lì anche dopo il 2008, e da allora non abbiamo mai avuto la macchina o la squadra per vincere. Fernando ha fatto un lavoro incredibile nel 2010, è arrivato veramente al limite nel battagliare per il titolo, ma , ad essere onesti, la vettura quell'anno non era in grado di vincere. Per me quella volta ha fatto un lavoro eccezionale. Tutti i piloti che sono passati di lì come Sebastian e Kimi non sono riusciti a farcela perché la squadra non è stata perfetta".

Leclerc ospite da Cattelan

Vettel, non tutte le colpe sono sue

Felipe prosegue spendendo belle parole per Sebastian Vettel, ormai in procinto di lasciare il Cavallino. Al tedesco sono stati rinfacciati i tanti errori commessi, ma Felipe sostiene che non sia tutta colpa di Seb: "Con questo voglio dire che non è tutta colpa di Seb. Ha fatto delle grandi gare, tante ne ha vinte o comunque ha combattuto per vincerle, ed è sempre stato davanti al suo compagno di squadra, che pure è stato un buon compagno ed un campione come Raikkonen. Le cose sono un po' cambiate l'anno scorso, non scordiamoci cosa ha fatto Charles Leclerc. Lo osservo dai tempi dei kart ed ha mostrato di essere un gran talento e che può essere un campione, un top driver in qualunque squadra. Sebastian ha sofferto la pressione ed alcune decisioni che la Ferrari ha preso. Lui per stare nel team ha bisogno di essere sicuro al 100% di voler restare e che lo voglia ovviamente anche la squadra. E' un pilota ed un ragazzo sempre molto concentrato su ciò che vuole, non sarei sorpreso se decidesse di smettere, per continuare ha bisogno di una squadra che gli dia la giusta opportunità, in modo che lui sia sicuro di voler proseguire. Comunque, non sono sicuro se correrà ancora".

Norris e Verstappen alla 24 Ore virtuale

Leclerc e Sainz, il futuro

A partire dal 2021, la Ferrari schiererà Leclerc e Carlos Sainz. Detto del monegasco, anche sullo spagnolo Felipe ha buone impressioni: "Pensavo sarebbe arrivato Ricciardo, ma bisogna rispettare la decisione di Binotto e del team. Carlos ha mostrato di avere talento, al suo primo anno in F1 se andiamo a vedere per bene le gare penso che lui e Verstappen fossero vicini, ha il talento, la velocità e lavora sodo. E' un gran lavoratore, sia nel fisico che con la squadra. E' cresciuto molto nel corso della sua carriera, ha fatto un campionato fantastico con la McLaren, ha l'esperienza e la capacità per dare al team ciò che vuole. E' bello vedere che la Ferrari investe su un pilota che non arriva da un team di vertice, scommettendo sul pilota. La Ferrari ha bisogno di due buoni piloti, perché non c'è solo il titolo Piloti ma anche quello Costruttori".

Audi licenzia Abt!