Farà visita mercoledì, dopo i controlli nella giornata odierna al Mugello, Michael Masi all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari.

Imola è serissima candidata a un inserimento in calendario, dopo l’annuncio di un inedito Gran Premio al Mugello, gara numero 1.000 della Formula 1 e secondo GP in Italia.

Brawn, Racing Point ha approfondito la normalità in F1: copiare

L’impianto sulle rive del Santerno ha già rinnovato l’omologazione Grado-1 FIA lo scorso giugno, così la visita di Masi sembra avere i tratti di un controllo ulteriore sulla gestione degli spazi nel paddock in chiave “bolla” che la Formula 1 si è data e nella quale vive i week end di gara.

Il piccolo Nurburgring a ottobre

Dopo le anticipazioni emerse sabato scorso, della visita di Masi mercoledì, i rumours puntano sulla possibile data per lo svolgimento del terzo GP italiano. Con Portimao e Hockenheim altre tappe destinate a un inserimento in calendario, al netto di uno scenario in Cina che va verso il prolungamento del contratto per ospitare la Formula 1 – annuncio atteso nei prossimi giorni – e l’incertezza sulle sorti dell’edizione 2020, a Imola si potrebbe gareggiare nel mese di ottobre, dopo aver fatto tappa a Sochi per il GP di Russia o a Hockenheim.

Gran Premi che arricchirebbero il calendario europeo prima della trasferta mediorientale con due GP in Bahrain e il finale ad Abu Dhabi. 

Sterzi a parte: Parlo di Ferrari ma non di Binotto