Mercedes davanti a tutti nelle Fp1 del Gp di Spagna. Miglior prestazione per Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton, poi Max Verstappen e le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel.

Gp Spagna: la chiave saranno ancora le gomme

La top ten

Tempi subito molto buoni nel venerdì mattina catalano, con Bottas che ha fermato il cronometro sull'1'16"785 con gomma rossa, facendo meglio di Hamilton per appena 39 millesimi. Terzo in classifica ma molto distante nei tempi Max Verstappen, che ha rimediato 939 millesimi di distacco. Non molto lontane dalla Red Bull le due SF1000, con Leclerc 4° a 1"185 e Vettel 5° ad appena 11 millesimi dal compagno di squadra. Buon sesto tempo per Grosjean, quindi Perez, Albon, Magnussen e Stroll, che ha chiuso la top ten. Le Racing Point sono le uniche due tra i primi 10 ad aver effettuato il loro miglior tempo con gomme medie e non con le morbide.

Hamilton: "Nuove mappature? Vogliono rallentarci"

La Ferrari raccoglie i dati

Parlando di Ferrari, la squadra ha cominciato il suo lavoro in pista con dei rastrelli applicati al posteriore della monoposto per raccogliere dati a velocità costante tra i 160 ed i 200 chilometri orari. Ricordiamo che non ci saranno aggiornamenti sulla SF1000 in questo fine settimana.

Vettel: "Amo il mio lavoro, voglio vincere ancora"

Un israeliano in pista

Le prove libere 1 del Gp di Spagna hanno visto la Williams di Russell affidata all'israeliano Roy Nissany. Il pilota classe 1994 nato a Tel Aviv ha così debuttato ufficialmente in un fine settimana di gara, riportando i colori di Israele in F1: era accaduto 15 anni fa a suo padre Chanoch, che era sceso in pista nelle libere del Gp d'Ungheria 2005 con la Minardi. Chanoch era stato il primo e finora unico pilota israeliano a prendere parte ad un fine settimana di F1 il 29 luglio 2005, nel giorno del suo 42° compleanno. Rimediò 12"9 (avete letto bene) di ritardo dal pilota più veloce, il tester Wurz con la McLaren: a suo figlio è andata molto meglio, dal momento che ha chiuso ultimo a 3"8 dal vertice, girandosi nel suo ultimo tentativo lanciato dopo alcuni parziali che lo avrebbero messo davanti alla monoposto gemella di Latifi.

Leclerc: "Sarà una gara difficile per noi"