Tutti attendono una risposta da parte di Valtteri Bottas alla marcia trionfale di Lewis Hamilton, sempre più lanciato verso il settimo titolo iridato della carriera. In 7 Gp il finlandese ha rimediato 50 punti di distacco, con l'inglese subito in fuga nel mondiale.

Gp Italia, Fp2: cronaca, tempi e passi gara

C'è sempre qualcosa da migliorare

Parlare di titolo con 50 punti di ritardo può essere prematuro, ma per Monza Bottas si sente in forma, ed ha commentato così il suo venerdì: "Mi sono sentito piuttosto bene per tutto il giorno, sono contento perché penso che possiamo ancora migliorare. Direi che il problema più grande per me è stata una certa mancanza di stabilità al retrotreno in alcune curve, ma a parte questo il resto era tutto ok. Ad essere sincero penso che le prestazioni e i tempi rispetto alla concorrenza siano leggermente sorprendenti, ma la verità la vedremo domani. Poi c'è sempre qualcosa da migliorare, ad esempio il mio giro secco nel pomeriggio credo non sia stato ottimale, quindi anche io posso ancora migliorare, ma lo stesso vale anche per altri".

Hamilton fa pretattica: "Penso che saremo vicini con diverse macchine"

Questione gomme

Interrogato sulla gestione dei pneumatici, il finlandese ha risposto: "Penso che la gestione sarà minore, questo è un tracciato completamente differente, del tipo 'stop and go', non ci sono molte curve ad alta velocità. È importante gestire la trazione per non far slittare le gomme, ma a parte questo la situazione è più facile da gestire". Chiusura sulle difficoltà della qualifica monzese: "I margini sono sempre molto sottili qui, il giro è tanto veloce quanto breve e non ci sono tante curve dove poter fare la differenza, sarà una bella lotta. Io mi sento bene e non vedo l'ora di essere in gara per la pole".

Verstappen, manca aderenza