Anche il GP di Russia vedrà in pista due Racing Point RP20 piuttosto diverse nella configurazione aerodinamica. Introdotto al Mugello, il pacchetto (corposo) di aggiornamenti è stato portato in pista da Lance Stroll, protagonista in gara dell’incidente in entrata di Arrabbiata 2, causato da un taglio agli pneumatici.

L'editoriale del direttore: Ferrari, l'attesa del segnale buono

Meno di due settimane di tempo non sono state sufficienti al team per realizzare le nuove componenti in numero doppio, così toccherà attendere ancora a Sergio Perez.

Da Mercedes a idee autonome

Il pacchetto evolutivo ha cambiato sostanzialmente la RP20 nella zona centrale, segnando una differenziazione rispetto all'andamento delle pance della W10 "ispiratrice".

GP Russia, Mekies: a Sochi sviluppi per correggere il possibile

Novità che partono dall’imboccatura con nuove prese d’aria arretrate e i relativi deviatori di flusso, procedendo verso il retrotreno, dove il rinnovamento più corposo è nell’andamento della parte superiore delle pance – molto inclinata verso il fondo e con la copertura a seguire le masse radianti – come nella copertura intorno al motore, senza contare accorgimenti introdotti sul fondo, davanti alle ruote posteriori.

Stroll, evoluzione migliora la base

Dal pacchetto di aggiornamenti, Szafnauer ha indicato i miglioramenti cronometrici stimati in 2-3 decimi dopo le prestazioni viste al Mugello. “L’aggiornamento era pianificato da tempo e sarà l’unico in questa stagione”, le parole del team principal, riportate da Auto Motor und Sport.

Un pacchetto di aggiornamenti che dovrà aiutare Racing Point a vincere la lotta con Renault e McLaren per centrare il terzo posto nel mondiale Costruttori. A partire da Sochi, pista sulla quale Stroll e Perez ripongono alte aspettative: “Nella prima metà di campionato abbiamo dimostrato di essere competitivi su tutte le tipologie di circuito, sono fiducioso saremo in lotta per bei punti. Stiamo migliorando un pacchetto competitivo, con gli ultimi aggiornamenti. È una spinta per tutti noi”, le parole di Stroll, che perlomeno in Russia avrà ancora l’esclusività del vantaggio tecnico.

“Penso potremo correre davvero una seconda metà di stagione forte. Non penso che la fortuna sia stata sempre dalla mia parte nelle gare corse finora, è come se ci fosse dell’altro che deve arrivare. A Sochi sono stato sempre piuttosto competitivo e in questo fine settimana credo riusciremo a ottenere buoni punti”, ha aggiunto Perez.

Vettel, con Aston Martin idee chiare sugli obiettivi