Il sedile di Pierre Gasly in AlphaTauri, a sentire Helmut Marko nelle ultime settimane, era tra quelli “saldi” in chiave 2021. Altrove si attendono le novità Red Bull Racing, vedi il rebus Albon o Hulkenberg, e di conseguenza il secondo sedile AlphaTauri, se una retrocessione del pilota tailandese o il volante a Tsunoda.

Per Gasly arriva l’ufficialità di un rinnovo di contratto con il team di Faenza, dove ha fatto ritorno a metà 2019, ritrovando prestazione e risultati, fino al successo conquistato a Monza. Un contratto confermato limitatamente al 2021: “Sono davvero felice di continuare per un’altra stagione con la Scuderia AlphaTauri! Quest’anno sta andando molto bene e siamo sulla buona strada per farlo diventare il migliore nella storia del team", le parole del francese.

Presenti alle occasioni importanti

"Sento che abbiamo un legame molto forte e siamo riusciti a cogliere ogni opportunità che ci si è presentata, la migliore al Gran Premio d’Italia. Vincere la mia prima gara di Formula 1 a Monza è stato un momento davvero speciale ed è stato un grande onore firmare la seconda vittoria nella storia di questa squadra, ne sono davvero orgoglioso. Farò del mio meglio per spingere il team più in alto possibile.

L'editoriale del Direttore: E ora esaltiamoci grazie a Imola!

Non vedo l’ora di affrontare la sfida del prossimo anno con AlphaTauri, sia come premium fashion brand che come squadra sportiva, per continuare a dare il massimo e condividere altri bellissimi traguardi in futuro”, le parole di Gasly, in partita nel mondiale piloti per un teorico e improbabile quarto posto, distante 15 punti (Ricciardo, 80). Nel mondiale Costruttori, le ambizioni di sfidare la Ferrari per il sesto posto passano da 16 punti di divario: 93 contro 77.

Quanto al nome del secondo pilota AlphaTauri, dopo aver indicato l’annuncio prima del GP di Turchia a Istanbul – tappa successiva a Imola –, Marko ha rinviato il tutto al post-GP del Bahrain.

Toro Rosso ambiente rigenerante

“Sono felice che Pierre rimarrà con noi per la stagione 2021. Fa parte del pool di piloti Red Bull da molti anni e spero che continuerà a esserlo per molte stagioni a seguire. Da quando è tornato nel team, lo scorso anno, ha costantemente mostrato grandi prestazioni e ottenuto due podi: un secondo posto in Brasile, nel 2019, e una vittoria nella gara di casa del team, al Gran Premio d’Italia di quest’anno.

Pierre ha dimostrato di essere sempre altamente competitivo, anche grazie alle sue abilità di gara, capace sempre di estrarre il potenziale della vettura a ogni evento e dando preziosi feedback ai suoi ingegneri. Mentalmente è molto forte e sempre motivato: quando si pone un obiettivo dà il massimo per raggiungerlo. Non vedo l’ora di estendere questa collaborazione e puntare così a un’altra bella stagione insieme”, le parole di Franz Tost.