Un rinnovamento nel segno del 3, quello che introduce Mercedes nella compagine azionaria del team di Formula 1. Tre quote paritarie controlleranno la società che gestisce le operazioni in Formula 1, con la novità dell’ingresso di Ineos, già sponsor nel 2020 sportivo appena concluso.

L'editoriale del direttore: Amministratore delicato

Toto Wolff, Ineos e Daimler avranno quote azionarie uguali, al 33,3%, modificando un equilibrio che finora ha visto il Gruppo Daimler detenere il 60% e Toto Wolff il 30%. Per il manager austriaco c’è la conferma per tre anni nel ruolo di team principal e amministratore delegato di Mercedes-AMG Petronas F1, che continuerà a essere espressione ufficiale di Mercedes e rafforzerà l’allineamento con la divisione Mercedes-AMG.

Toto libero di scegliere

Un’importante previsione futura sul ruolo di Wolff è nella possibilità di passare a una nuova funzione esecutiva all’interno dell’organizzazione quando “deciderà che sarà il momento giusto di farlo”, dettaglia la nota con la quale Mercedes ha ufficializzato i cambiamenti nella struttura proprietaria del team.

Mercato piloti: Mercedes-Hamilton, firma in arrivo

“Siamo felici di dare il benvenuto a Ineos quale socio nella nostra joint venture in Formula 1. Essere in grado di attrarre investitori di prestigio come Ineos è il segno della forza dell’organizzazione realizzata a Brackley; Ineos che vede un reale potenziale per la futura crescita e sviluppo del team.

Rimaniamo fermamente impegnati in Formula 1 e l’imminente tetto ai costi, insieme alla nuova struttura azionaria, ci colloca in una posizione di ancor maggior forza per un successo duraturo. Con un allineamento ancor più vicino alla divisione performance Mercedes-AMG a partire dal 2021 e la continua guida di Toto negli anni a venire, il futuro Mercedes in Formula 1 è luminoso”, ha commentato Ola Kallenius, presidente del CdA Daimler e Mercedes.

Mercedes, in F1 minore dipendenza da Daimler

Avviene quel riposizionamento tratteggiato da Toto Wolff già sul finire del 2019, quando immaginava un diverso equilibrio azionario, per realizzare una minore “dipendenza” dell’attività Mercedes in Formula 1 dal Gruppo Daimler e assicurarsi il futuro in un quadro industriale nel quale Daimler procederà a sostanziali tagli.

Wolff, negli ultimi mesi, ha parlato a lungo di una successione al ruolo di team principal da preparare, una nuova figura da individuare e dalla quale essere affiancato sui campi di gara. “Per me questa squadra è come una famiglia, siamo passati da così tanti alti e bassi insieme che non posso immaginare un miglior gruppo di persone con il quale lavorare in questo sport. Sono felicissimo di continuare insieme in questa nuova era.

Il nuovo investimento da parte di Ineos conferma come il modello di business dei team di Formula 1 è solido e manda un segnale importante di fiducia allo sport, dopo un anno sfidante.

Sono entusiasta di dare il benvenuto a Jim, Andy e John (rispettivamente Ratcliffe, Currie e Dawson: a.d., direttore e direttore non esecutivo di Ineos; ndr) nel team come co-proprietari, hanno creato una delle compagnie più redditive al mondo.

Parallelamente è un privilegio poter continuare la mia collaborazione con Ola, Markus Schafer e Mercedes negli anni a venire. Siamo orgogliosi di aver incrementato la tradizione nel motorsport del marchio a partire dal 2010 e condividiamo l’ambizione di far crescere ulteriormente nell’organizzazione negli anni a venire”.

Ineos investe sui migliori

In casa Ineos, Jim Ratcliffe estende la presenza dell’azienda – già impegnata in molteplici discipline in prima persona, dal ciclismo (rilevando il team Sky) alla partecipazione in Coppa America – e commenta: “Le grandi sfide sono parte centrale della nostra mentalità in Ineos e il nostro impegno su una serie di differenti sport dimostra che puntiamo sempre al meglio.

Quando siamo entrati a inizio anno in Formula 1 abbiamo scelto di farlo con Mercedes che ha fissato i riferimenti e, da allora, abbiamo discusso su come avremmo potuto incrementare il nostro coinvolgimento.

Questa è un’occasione unica per realizzare un investimento finanziario in un team al top, ma che ha ancora ricche potenzialità di crescita in futuro. Non potremmo desiderare un partner migliore di Mercedes e una squadra vincente guidata da Toto”.

FIA, ai motoristi di F1 i primi campioni di benzina sostenibile