Se un pilota è bravo ed ha anche degli sponsor, non c'è niente di male nel prenderlo. Questo è il pensiero di Gunther Steiner, che ha difeso e spiegato la scelta da parte della Haas di affidare a Nikita Mazepin un sedile in squadra.

F1 2021, ufficiale: torna Imola!

Questione di interesse

Alla testata GPFans, l'ingegnere di Merano ha detto: "Ad un certo punto, se hai un'attività investi per un po' e poi devi cercare di renderla sostenibile e di trarne un guadagno, fa parte del gioco. In F1 ci siamo creati un nome come Haas, ora siamo un team ben conosciuto e siamo aperti a più partner commerciali. Se ci veniamo incontro, dal momento che Dmitry Mazepin ha una compagnia, e se si presenta come sponsor, perché non fare un accordo?".

Bottas, traversi in attesa dell'Artic Lapland Rally

La bravura è meglio con i soldi

Proseguendo, il team principal della Haas ha difeso l'idea del pilota con la valigia: "Se qualcuno è un bravo pilota ed ha anche un sostegno finanziario, sicuramente avrà migliori opportunità di qualcun altro che è bravo quanto lui ma che è senza finanziatore. Perché a quel punto dovresti scegliere quello senza soldi?".

Sterzi a parte: Mick Schumacher in F1 con pieno merito