In otto stagioni di era ibrida la McLaren si appresta a vivere il terzo cambio di motore, dando il bentornato alla power unit Mercedes, la stessa con la quale aveva cominciato la nuova era regolamentare nel 2014, salvo poi passare ai motori Honda (dal 2015 al 2017) e successivamente ai Renault (dal 2018 al 2020). Zak Brown è convinto che con i cavalli di Brixworth la squadra possa tornare finalmente ad una vittoria che manca ormai dal GP Brasile 2012.

Le prime immagini di Ricciardo a Woking

Una MCL35M rinnovata

Per il 2021 la scuderia di Woking ha come obiettivo quello di confermare la terza piazza nel Costruttori conquistata nello scorso campionato. Con i motori Mercedes il team di Ricciardo e Norris punta a migliorare ancora in termini di risultati, anche se c'è il rischio di pagare lo scotto affidabilità con la MCL35M, completamente rinnovata al retrotreno per ospitare il nuovo propulsore, che andrà a ricomporre un binomio storico. Se nonostante i pochissimi giorni di test a disposizione la vettura si dimostrerà comunque solida e subito in grado di digerire il passaggio da una power unit all'altra, allora potrebbe essere un 2021 molto positivo per la McLaren.

McLaren MCL35M, avviata la Pu Mercedes

Sfida alla stessa Mercedes

A riguardo, Brown si è detto fiducioso, come ha spiegato a GPFans: "Siamo molto eccitati, abbiamo una grande storia con la Mercedes. Ola Kallenius, Ceo di Daimler, è un grande fan della McLaren ed è stato in McLaren in questi giorni. Abbiamo molti amici a Brixworth (sede della Mercedes High Performance Powertrains, dove vengono progettate e realizzate le Pu di Stoccarda) e sembrano entusiasti quanto noi. Siamo elettrizzati dall'idea di poter vincere delle gare insieme in futuro, con la speranza di sfidare chiunque si trovi davanti, che più probabilmente sarà la Mercedes stessa".

Presentazioni F1 2021: la MCL35M sarà la prima a svelarsi