Finora si è raccontato l'inserimento nel team, presto si scoprirà la AMR21, Aston Martin che dovrà supportare Vettel e Stroll in un campionato da migliori dietro Mercedes e Red Bull. Poche settimane e sarà la pista a raccontare se il "nuovo Vettel" avrà ritrovato la competitività smarrita nelle ultime stagioni in Ferrari.

Nel frattempo è un registrare l'ambiente, le sensazioni, riportate da Otmar Szafnauer. "Sta lavorando tantissimo e posso testimoniare il fatto che è davvero motivato", dice il team principal all'agenzia Reuters. 

Aston Martin: Vettel utile stratega, avrà il retrotreno che preferisce

A cosa può ambire Aston Martin quest'anno? Lo scenario ideale sembrerebbe dire di un terzo posto nel mondiale Costruttori da contendere, trovarsi in lotta per guidare un gruppo folto di squadre che correrà dietro i primi due, dove il ritorno Ferrari è destinato a riportare il Cavallino sullo status di prestazioni che spettano alla Scuderia.

Vincere ancora sarà difficile

"Le motivazioni di Vettel non penso siano legate al dimostrare ai detrattori che si sbagliavano. Piuttosto è semplicemente com'è lui, è guidato dal fare il meglio che può", prosegue Szafnauer. "Sarà davvero difficile riuscire a vincere una gara avendo la terza macchina più veloce del gruppo, ma non è impossibile e l'abbiamo dimostrato lo scorso anno. Se può riuscirci Seb? Certo".

Vettel, più spazio in garage: vende cinque Ferrari

Del tratto umano del pilota tedesco s'è detto spesso, un lineamento della persona che a Silverstone hanno toccato con mano quando si è recato in fabbrica per passare alcune giornate con il team, portando in dono del pane fatto in casa: "Avrebbe potuto comprare una scatola di cioccolatini o dei fiori ma non è da lui ed è arrivato dicendoci 'vi ho portato questo pane che ho fatto in casa'.

Poi è un tipo che apprezza davvero l'umorismo inglese, non è per trovare un filo comune è semplicemente com'è lui. Finora si è inserito davvero, davvero bene qui".