Tre decimi di distacco tra Verstappen e Bottas, ma anche un miglioramento chiaro nel comportamento della monoposto. È quanto hanno raccontato le prime prove libere dell'anno, un GP del Bahrain che è punto di controllo dei progressi Mercedes rispetto alle difficoltà mostrate nel corso dei test. 

C'è ancora tempo per affinare il comportamento delle monoposto e sarà solo in qualifica che avremo una misura chiara del posizionamento di ciascun team in questo primo appuntamento stagionale. "Adesso è decisamente migliorata l'instabilità improvvisa del posteriore, si tratta di regolare l'assetto per le sessioni che contano, domani e domenica, e vedere se la macchina si comporterà meglio rispetto ai test", racconta Toto Wolff a The Race.

Red Bull e i vantaggi dell'assetto rake

Si è molto discusso di quale fosse l'origine dei problemi di instabilità del retrotreno sulla W12, tra introduzione delle nuove gomme e limitazioni all'aerodinamica nella zona del fondo e del diffusore.

Si è analizzata anche la filosofia progettuale di una monoposto neutra nell'assetto rake se paragonata con le marcate differenze di altezza da terra tra il T-Tray e il diffusore adottate da Red Bull. Un aspetto sul quale Wolff commenta: "Anche se sembra essere una macchina evoluta rispetto allo scorso anno, penso che abbiamo probabilmente sofferto di più nel cambio di regolamenti rispetto alle macchine con un assetto ad alto rake. La Red Bull segue questa filosofia progettuale da molti anni, per noi può darsi che sia stato più difficile recuperare parte del carico aerodinamico perso

Finora, però, da quanto ho visto e da quel che spero, possiamo avere davvero una battaglia serrata, è quello che vogliono vedere i tifosi e ciò che ci piacerebbe avere", riporta Motorsport Week.

Eguagliare Red Bull lo scenario migliore possibile

Mercedes contro Red Bull, l'impressione è che i distacchi potranno essere inferiori a quanto visto nelle libere 1, convinzione alimentata dal terzo tempo di Lando Norris, solo 3 decimi alle spalle di Bottas, su un'ottima McLaren ma difficilmente credibile un gap così limitato.

Si parte su un piano molto equilibrato, sul quale Wolff aggiunge: "La Formula 1 è come tanti altri sport, oscilliamo tra entusiasmo e depressione. Quando ogni cosa è perfetta pensi, eccoci, è nelle nostre mani. Quando, però, hai dei giorni non così buoni, guardi i dati e ti chiedi come potrai mai recuperare. Va così e penso che se dovessimo essere dietro, dovremo solo recuperare e fare il nostro lavoro. Se dovessimo essere sullo stesso passo di Red Bull, quello che oggi considero essere forse lo scenario migliore possibile per noi, allora avremo una lotta con un altro grande team".

I risultati delle prove libere 1 - GP del Bahrain