Primi sviluppi in arrivo in casa Alpine. La scuderia francese, rimasta a secco di punti nella prima uscita stagionale in Bahrain, si presenterà con una A521 rinnovata già ad Imola, nella speranza di risolvere i problemi emersi a Sakhir.


La A521 soffre il caldo

Quali, per la precisione? In primis, una certa dipendenza della vettura ai cambiamenti di temperatura: a Sakhir, nelle sessioni alla luce del sole, la macchina faceva più fatica rispetto alla sessioni in notturna. Aspetto da risolvere perché, soprattutto con il passare delle settimane, arriveremo ad avere le gare estive con temperature sempre molto calde. A spiegare tutto quanto è stato Marcin Budkowski, direttore esecutivo del team francese.

GP Emilia-Romagna, attesi aggiornamenti sulla Red Bull


Interventi su fondo e diffusore

Budkowski ha confermato degli upgrade sulla monoposto transalpina: "C'è un'area della monoposto che è cambiata per i nuovi regolamenti, un'area tutta da sviluppare al momento ed è ovviamente la zona del fondo e del diffusore. Vi abbiamo lavorato durante i test, vi abbiamo lavorato nel primo fine settimana di gara e certamente continueremo a farlo nelle prossime gare, così come tutti gli altri. E' un'area che cambierà. Abbiamo un pacchetto di aggiornamenti in arrivo per Imola, avremo alcune nuove parti e maggiori prestazioni sulla macchina. E in generale abbiamo altre novità per le prime gare della stagione".

Button: "Sainz un ingegnere, si avvicinerà a Leclerc"


Lo spettro delle gare estive

Il comportamento della A521 in Bahrain ha preoccupato gli ingegneri, che sono al lavoro per capire meglio, come ha spiegato Budkowski: "Abbiamo un po' di compiti per casa da fare per comprendere perché siamo stati meno competitivi nelle sessioni calde rispetto a quelle serali. Non credo sarà un problema a Imola o in Portogallo, ma potrebbe diventarlo nei mesi estivi. Nei test eravamo abbastanza soddisfatti della macchina, ma lo siamo stati meno con temperature più elevate. La prima e la terza sessione di libere sono state più difficili per noi, mentre in quelle notturne come qualifica e gara siamo tornati ad un livello di competitività più rappresentativo. La temperatura era piuttosto estrema, faceva più caldo rispetto ai test. All'inizio delle FP3 la temperatura era di 38 gradi, mentre quella della pista era di 47, molto più alta rispetto alle prove invernali".

Calendario F1 2021: Canada e Brasile a rischio, pronte Turchia e Bahrain


Alpine in ritardo di 2 o 3 decimi

In conclusione, Budkowski ha ammesso che l'Alpine è "ancora indietro di due o tre decimi per combattere effettivamente con le con le squadre con cui pensavamo di combattere". Saranno dunque settimane intense ad Enstone, nella speranza di risolvere tutto quanto più in fretta possibile.