Per la McLaren, il GP di Monaco è stato un fine settimana a due facce. Da una parte un superlativo Lando Norris, capace di regalare a Woking il primo podio a Montecarlo da dieci anni a questa parte (Jenson Button chiuse 3° nel 2011), nonché il secondo stagionale, mentre dall'altra Daniel Ricciardo ha vissuto un weekend nero, decisamente il peggiore nella sua ancor breve avventura con il team britannico.

Ferrari, il mozzo ruota all'origine del forfait di Leclerc


Batosta in qualifica ed in gara

La prestazione dell'australiano è stata nettamente al di sotto delle capacità di Daniel, uno che a Monaco ha saputo cogliere due pole position ed una vittoria, oltre che ad una serie di buoni piazzamenti, precedendo spesso il proprio compagno di squadra. Norris invece nell'ultimo weekend è stato decisamente fuori portata per Ricciardo, che oltre a essersi preso mezzo secondo in qualifica ha pure dovuto subire l'onta del doppiaggio dalla vettura gemella, qualcosa che non gli era mai capitato a parità di macchina. In qualifica il numero 3 ha chiuso 12° (scattando di fatto 11° senza più Leclerc), ed in gara non è mai riuscito a liberarsi del traffico, motivo per cui non è stato in grado di recuperare posizioni, chiudendo la corsa al 12° posto.

GP Monaco: la gara in 5 punti


Male con la gomma media, meglio con la dura

Ovviamente amaro il commento affidato all'ufficio stampa della scuderia da parte del pilota: "Purtroppo, questo è stato solo un fine settimana da dimenticare per me. Sapevamo che la gara sarebbe stata complicata dopo una qualifica difficile, ed è andata così. Ho faticato un po' all'inizio con la Medium e questo ha praticamente deciso la nostra gara.


Il secondo stint sulla Hard è stato incoraggiante ed i tempi sul giro hanno iniziato a migliorare, ma a quel punto non c'era molto di più che potevo fare visto quanto è difficile sorpassare qui. Devo solo capire cosa è successo e distrarmi per qualche giorno staccando la spina prima di tornare a Baku.

Il lato positivo è stato un ottimo risultato per Lando e per la squadra, quindi complimenti a tutti. Ciò mostra che c'è del ritmo nella macchina e che dobbiamo solo lavorare per sbloccarlo, ma ciò arriverà con il tempo ed il chilometraggio ".

GP Monaco, i top e flop