La notizia è fresca, Lewis Hamilton riabbraccerà il suo pubblico in maniera completa nel prossimo GP Gran Bretagna, in programma nel fine settimana dal 16 al 18 luglio. Una decisione che da un lato rende felicissimo l'inglese della Mercedes, il quale però si augura che sia stata fatta la miglior scelta possibile dal punto di vista sanitario.

Vettel, sostegno a LGBTQ+ e fiducia nell'Aston Martin

100% del pubblico? Sì, ma attenzione

Nella conferenza stampa del GP Stiria Hamilton ha accolto così la notizia: "Non posso dirvi quanto sono entusiasta di vedere le persone e in primo luogo di rivedere il pubblico britannico perché è il miglior pubblico di tutto l'anno. Nella scorsa stagione non li abbiamo avuti, sarà bello poterli vedere e sentire l'energia che portano in un fine settimana. So però che i casi stanno salendo in modo massiccio nel Regno Unito, quindi da quel lato mi preoccupo per le persone. Ho acceso il notiziario questa mattina, l'ho seguito negli ultimi giorni e so che i tassi di infezione nel Regno Unito sono aumentati poiché le persone si stanno un po' rilassando e non tutti sono vaccinati. Forse è un po' prematuro. Ma non sono in politica, non sono al governo, non conosco tutto quindi non voglio sbilanciarmi troppo nei commenti. Nell'ultima gara c'era già del pubblico e mi pare non sia venuto fuori niente di negativo, ma preferirei peccare per eccesso di cautela e ripartire lentamente piuttosto che andare a tutta birra e usare i nostri fan britannici come test".

GP Stiria, Red Bull punta forte su casa sua

Rinnovo e compagno di squadra

Il presente si chiama GP Stiria, ma c'è un contratto per il 2022 da preparare e per la prima volta Lewis ha ammesso esserci delle discussioni sul rinnovo con la Mercedes. A tal proposito, l'inglese ha sfruttato l'occasione per sponsorizzare il suo attuale compagno di squadra, Bottas: "Abbiamo iniziato a parlare con la Mercedes. Non c'è molto da dire, ma abbiamo avviato discussioni e le cose sono positive. Valtteri è il mio compagno di squadra attuale ed entrambi abbiamo avuto i nostri alti e bassi nella nostra carriera. È un teammate fantastico e non credo che debba necessariamente cambiare. Russell? Non è il mio compagno di squadra al momento, quindi non ho bisogno di dire nulla. Come ho sempre detto, Valtteri è stato il miglior compagno di squadra in assoluto, e quando dico compagno di squadra non si tratta solo delle prestazioni del pilota, ma intendo il morale della squadra ed il modo in cui si lavora nel team".

Sainz: "Problemi alle gomme restano, ma grande reazione"