Se ne discuterà il prossimo 5 ottobre, quando FIA, Formula 1 e squadre rappresentate in Commissione F1 torneranno sulla gestione del Gran Premio del Belgio. Analizzare cosa non ha funzionato, il che è piuttosto evidente: non arrivare a cancellare l'evento, per l'impossibilità di girare viste le condizioni di visibilità.

L'editoriale del direttore: Chi esige rispetto lo deve anche dare

Invece, di rinvio in rinvio, di due giri in due giri dietro Safety Car, il Gran Premio si è "disputato", perlomeno ha trovato una sua validità ai fini del campionato, assegnando metà punteggio visti i giri inferiori al 75% della lunghezza complessiva di gara prevista.

La raccolta delle proposte

Secondo alcuni team principal è anacronistica, oramai, l'assegnazione del punteggio dimezzato. Secondo altri, vedi Ross Brawn, assegnare il punteggio - come da regolamento vigente - può leggersi quale "premio" al risultato della qualifica, in condizioni come quelle di Spa.

Leggi anche: A Zandvoort Hamilton detta il ritmo nelle libere 1

Si è già al lavoro per arrivare al 5 ottobre con una serie di posizioni e proposte sul tavolo, "Michael Masi ha già chiesto alle squadre di mandare delle considerazioni su come pensiamo che vada migliorata la situazione", ha anticipato Andreas Seidl, ambiente McLaren.

Punteggio al risultato della qualifica

A Woking spingono perché si assegnino i punti, in caso di gara cancellata, sulla base della prestazioni in qualifica. "Dobbiamo rendere chiaro e lineare il fatto che, se una gara non può corrersi - e può capitare, dobbiamo essere chiari su questo aspetto, perché è uno sport che si svolge all'aperto - allora può spazzare via un intero week end. 

Se una gara non si può svolgere va scritto chiaramente nei regolamenti che distribuisci i punti sulla base del risultato della qualifica, si può pensare a metà punteggio. Credo che questo vada discusso nei dettagli, ma a me andrebbe bene", dice ancora Seidl.

A sentire i piloti, due elementi sono emersi dopo Spa quali punti critici, sui quali intervenire. Max Verstappen ha sollecitato una revisione degli orari di partenza dei Gran Premi, mentre Pierre Gasly ha chiesto soluzioni tecniche perché le monoposto riducano lo "spray". La quantità d'acqua evacuata dal battistrada delle gomme Pirelli da bagnato diventa acqua in sospensione nell'aria, contribuendo a limitare la visibilità. Potrebbero delle semi-carenature dietro le ruote migliorare il problema?

I tempi delle prove libere 1