Fuori e, almeno secondo Max Verstappen, va bene così. L'olandese della Red Bull ha dato l'impressione di aver preso con filosofia l'incidente con Lewis Hamilton che ha posto fine alla gara di entrambi. Uno 0-0 in chiave iridata che mantiene il numero 33 a +5 sull'inglese.

 

La versione di Max

 
Ai microfoni di Sky Verstappen ha analizzato così l'episodio del giro numero 26: "Fino a quel momento era stata una gara fantastica, poi sono andate storte alcune cose. Sapevamo che saremmo stati molto vicini in curva 1. Lui mi ha spinto a sinistra in frenata, poi sono andato all'esterno, ho sterzato ma lui continuava a spingermi largo fino a quando non avevo più margine per fare la curva. Mi ha portato contro il cordolo rialzato, a me si è alzato il posteriore della macchina, ho perso il controllo e ci siamo toccati. E' un peccato che sia successo, ma alla fine per fare la curva ci vuole la collaborazione di entrambi. Penso di aver fatto tutto correttamente, ho provato ad affiancarlo in curva 2, è un po' difficile da dire"
 
Poi Max ha spiegato di non essere arrabbiato: "Non lo sono, va bene così, sono le corse e certe cose accadono. Incidente di gara? Decideranno i commissari, siamo entrambi fuori, sarebbe stato meno positivo se uno l'avesse passata liscia e l'altro no. Ne parleranno, vedremo. Non è una situazione normale, proviamo sempre a combattere, ma come ho detto serve la collaborazione di tutti e due per fare la curva e oggi non c'è stata".
 

 

Il commento delal gara