Yamamoto, Honda e la F1: Non escludo il ritorno

Yamamoto, Honda e la F1: Non escludo il ritorno© Honda via Twitter

I nipponici lasceranno la categoria ma, come già accaduto più volte in passato, sarà una storia destinata a essere riallacciata in futuro. La priorità va al piano industriale dell'azienda, chiamata alle sfide (e investimenti) sulla decarbonizzazione

Fabiano Polimeni

8 ottobre

A fine stagione lascerà una Formula 1 di una complessità tecnica rara sul fronte motoristico. Come già in passato, la storia tra Honda e la massima serie del motorsport è fatta di addii e ritorni. Dal GP di Turchia, dove Red Bull sfoggerà una livrea celebrativa - inizialmente pensata per l'ultima esibizione del motorista a Suzuka -, Masashi Yamamoto non esclude il ritorno. 

Altre priorità

Le ragioni del disimpegno in Formula 1 affondano le radici nelle scelte della casa madre, di una divisione auto chiamata a ri


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi